Con contributi di: Vittorio Agnoletto, Giuseppe De Marzo, Pierfranco Pellizzetti, Daniele Vicari, Monica Lanfranco, Adriano e Ferruccio Sansa (dall'archivio di MicroMega).

Redazione

Il numero 12 di MicroMega+, interamente dedicato al ventennale del G8 di Genova (19-22 luglio 2001), si apre con un’intervista di Cinzia Sciuto a Vittorio Agnoletto (“L’appello di Agnoletto ai movimenti: “Costruiamo un nuovo Social Forum Mondiale”), al tempo portavoce del Genoa Social Forum e oggi coordinatore della campagna per la moratoria sui vaccini anti Covid, che rilancia: “I temi che ponevamo allora sono tutti, drammaticamente, attuali”. E sulla polizia con amarezza osserva che non è cambiato nulla.

Da Genova a oggi: “Quel movimento c’è ancora, ma con nuovi compagni di strada”. Con Giuseppe De Marzo, responsabile Politiche Sociali di Libera, intervistato da Daniele Nalbone, facciamo un viaggio all’interno del movimento per ricostruire venti anni di storia “in basso a sinistra”. Tra percorsi rilanciati e derive “governiste”, tra chi è ancora in prima linea e chi ha preferito una carriera diversa, tradendo in primis sé stesso.

Prima della mattanza. Gli avvenimenti che precedettero il G8 genovese del 2001” è il titolo del contributo di Pierfranco Pellizzetti che ricostruisce quanto accaduto prima degli scontri di piazza e delle violenze della polizia: il fallimento del dialogo tra istituzioni e movimenti, la sottovalutazione del rischio Black-Bloc, la disinformazione di servizi e corpi dello Stato, la strategia della tensione. Il prologo di uno scempio nelle viscere opache del potere.

Tortura e sospensione della democrazia, S. Maria Capua Vetere come la Diaz”. In un’intervista video di Valerio Nicolosi, Daniele Vicari – regista del film “Diaz. Don’t clean up this blood” sulle violenze delle forze dell’ordine nella scuola Diaz e nella caserma di Bolzaneto al G8 di Genova – esprime pessimismo: “Senza un chiaro rifiuto istituzionale la pratica della tortura nella gestione dell’ordine pubblico continuerà”.

La violenza poliziesca e la ferita inferta alla democrazia hanno seppellito a lungo anche i contenuti dello sguardo femminista di allora, fortemente profetici sui pericoli della globalizzazione neoliberista. Riflessioni e lotte – scrive Monica Lanfranco nell’articolo “Il G8 di Genova (soprattutto quello femminista) raccontato a chi non c’era” – ancora attuali e più che mai necessarie.

In chiusura del numero, riproponiamo da MicroMega 4/2001 il “Dialogo tra un padre e un figlio sulla verità dei fatti di Genova” tra l’ex sindaco della città – e magistrato – Adriano Sansa e il figlio Ferruccio, giornalista e testimone oculare: “Abbiamo riscoperto la violenza, l’odio. (…) Ma noi adesso saremo abbastanza forti, e lucidi, da far nascere qualcosa di grande da tutto questo?”.

Buona lettura e buona visione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lavorare meno, lavorare tutti

Come curare i mali di una società in cui metà degli individui lavora troppo e l’altra metà non lavora affatto? Dalla creazione di lavoro pubblico per il welfare e la cura dell’ambiente al reddito di base incondizionato, fino alla riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario: ecco i tre pilastri per costruire una società in grado di garantire il benessere di tutti i suoi cittadini.

Prendersi cura: il lavoro indispensabile

Non solo il lavoro di cura tradizionalmente inteso, ma il prendersi cura dei lavoratori, così come dell’ambiente e delle relazioni sociali, è sempre più indispensabile per la sopravvivenza.