Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

MicroMega+ / 14 maggio 2021

Il quarto numero di MicroMega+, con contributi di: Alessandra Lorini, Piergiorgio Odifreddi, Anna Pompili, Frida Guerrera, Enrico Grazzini, Alessandro Portelli.

Redazione

Stati Uniti, 14 maggio 1961: alcuni coraggiosi attivisti neri e bianchi salgono a bordo di autobus di linea diretti verso gli Stati del profondo Sud per infrangere la segregazione razziale. Sono i Freedom Riders ed è con la loro storia, ricostruita a sessant’anni esatti da Alessandra Lorini, che si apre il quarto numero di MicroMega+.

Un altro anniversario, quello della scoperta del primo vaccino, è invece al centro dell’approfondimento di Piergiorgio Odifreddi che ci racconta quel 14 maggio 1796 in cui il naturalista, ornitologo e medico inglese Edward Jenner effettuò la prima inoculazione contro una malattia infettiva, il vaiolo.

Legge 194: è ora di cambiarla per dare maggiore autodeterminazione alle donne” è il titolo del contributo di Anna Pompili. Anche questo prende le mosse da una ricorrenza – quella del referendum del maggio 1981 teso ad abrogare la 194/1978 – per un ragionamento più generale sulla necessità di una legge che abbia davvero al centro l’autodeterminazione delle donne.

Enrico Grazzini si scaglia invece “contro il mito della indipendenza delle banche centrali“. Di fronte alla crisi economica verticale (provocata dai blocchi della produzione decisi dai governi per contrastare la diffusione del coronavirus) e all’emergenza del cambiamento climatico, secondo l’autore le banche centrali dovrebbero aprirsi alla società civile, monetizzare i debiti pubblici e non temere l’inflazione.

Da giornalista, indago sui femminicidi come una detective, perché nessuno in Messico lo fa”. Verónica Villalvazo, alias Frida Guerrera, nella sua professione si è specializzata nel dare la caccia agli uomini che uccidono le donne. In una lunga intervista rilasciata a Daniele Nalbone, racconta il suo lavoro e la situazione nel Paese più pericoloso al mondo per i giornalisti. E per le donne.

Chiude il quarto numero di MicroMega+ la prefazione di Alessandro Portelli al libro E poi arrivò l’industria di Andrea Francesco Zedda (Donzelli Editore) in cui, attraverso la storia del piccolo comune di Ottana, ai piedi della Barbagia di Nuoro, si racconta l’inizio e la fine della rivoluzione industriale italiana, in realtà “una storia breve ed effimera”.

Buona lettura!

MicroMega+ del 5 luglio 2024

Con contributi di Martino Mazzonis, Claudia Fanti, Rossella Guadagnini, Ingrid Colanicchia, Mattia Gambilonghi, David Tozzo e Silvano Fuso.

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.