Il sesto numero di MicroMega+, con contributi di: Daniele Nalbone, Guido Barbujani, Federico Zatti, Rita Cantalino, David Gentili, Ilaria Ramoni, Mario Turla, Angelo d'Orsi.

Redazione

Con questo numero di MicroMega+ iniziamo un viaggio alla scoperta delle sperimentazioni di reddito di base incondizionato che sono in corso in diversi paesi del mondo. “Il reddito di base negli Usa, soluzioni locali a un problema globale” è il titolo del primo di questi reportage realizzati da Daniele Nalbone con la collaborazione di Sandro Gobetti del Basic Income Network Italia.

A seguire, due interviste. Nella prima – “Quando avevamo la pelle scura” – il genetista Guido Barbujani anticipa a Simona Silvestri i temi della relazione che terrà il 12 giugno alle “Giornate della Laicità” a Reggio Emilia: “Migranti pallidi. Da quand’è che gli europei hanno la pelle chiara”, spiegando perché la biodiversità umana non può essere strumentalizzata per giustificare il razzismo.

I misteri del caso Moby Prince, la più grande tragedia della marina civile italiana, sono al centro dell’intervista di Luca Aprea al giornalista Rai Federico Zatti – “Moby Prince, fu un dirottamento?” – autore di un documentato libro inchiesta (“Una strana nebbia. Le domande ancora aperte sul caso Moby Prince”, Strade Blu Mondadori) che propone una chiave di lettura inedita di quanto accaduto il 10 aprile 1991 nel porto di Livorno.

Ai guai giudiziari dell’Eni e al tentativo del colosso petrolifero di costruirsi un’immagine pubblica “green” non corrispondente alla sua azione, come denunciato dai movimenti ambientalisti, è dedicato un articolo firmato da Rita Cantalino: “Eni lava più verde (nel silenzio dei media)”.

Che cosa si intende per riciclaggio? Quali dinamiche segue il “lavaggio” del denaro di provenienza illecita? Risponde a queste domande il testo tratto dal volume “Il giro dei soldi – Storie di riciclaggio. Da Milano al Delaware: dove finiscono i capitali sporchi di evasori e criminali” di David Gentili, Ilaria Ramoni e Mario Turla, edito da Altreconomia.

Il 28 maggio di 150 anni fa si concludeva il più bell’esperimento politico della storia contemporanea, la Comune di Parigi. A questo anniversario è dedicato il podcast dello storico Angelo d’Orsi La Comune di Parigi (1871) – che racconta come i proletari parigini presero il potere e diedero vita ad uno Stato nello Stato. Ricordandoci come, nonostante il fallimento, la Comune fu lievito teorico e pratico per la storia del movimento operaio mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il risveglio del fascismo in Polonia

In Europa torna lo spettro del fascismo, come se la Seconda guerra mondiale non fosse mai avvenuta. È il caso della Polonia di oggi, dove assistiamo a una pericolosa rinascita del virulento nazionalismo degli anni Trenta e la Chiesa cattolica e l’attuale governo sono grandi alleati dell’estrema destra.

Il massacro di Parigi e il razzismo di Stato contro gli algerini

La notte del 17 ottobre 1961 a Parigi la polizia aggredì un imponente corteo disarmato e pacifico di algerini. Centinaia furono i morti e migliaia i feriti, culmine parossistico di una violenza di Stato organizzata nei mesi e negli anni precedenti. Una ferita tutt’ora aperta.