Il reddito di base nel mondo. Prima parte: Stati Uniti

Iniziamo un viaggio alla scoperta delle sperimentazioni di reddito di base incondizionato in corso in diversi paesi del mondo. Prima puntata: “Il reddito di base negli Usa, soluzioni locali a un problema globale”.

– Lecce, ottiene il reddito di cittadinanza senza dichiarare una condanna: a processo un ex commercialista.

– Vibo, pregiudicati ma con il reddito di cittadinanza: 17 indagati.

– Pavia, furbetti del reddito di cittadinanza: denunciati quattro stranieri.

– Viterbo, centoventimila euro di reddito di cittadinanza senza averne diritto, 12 denunciati.

Mentre scriviamo questa introduzione alla serie di articoli sul reddito di base (19 maggio) sono queste le prime notizie che appaiono su Google cercando “reddito di cittadinanza”.

Se lo avessimo fatto due giorni prima – il 17 maggio – l’intera ricerca sarebbe stata occupata dalla denuncia di Vincenzo De Luca, governatore della Campania: “Non si trovano più camerieri e lavoratori per le attività stagionali, mi hanno detto che per questo alcune attività non riapriranno. Bene, questo è uno dei risultati paradossali dell’introduzione del reddito di cittadinanza. Se mi dai 700 euro al mese e vado a fare qualche doppio lavoro non ho interesse ad alzami alle sei e ad andare a lavorare in una industria di trasformazione agricola”.

In piena crisi economica dovuta dalla pandemia, in Italia, questo è il livello del dibattito e dell’analisi su una misura che, pur piena di malfunzionamenti, ha garantito a un milione di poveri di sopravvivere. La narrazione dei fannulloni è sempre la stessa, fin dal momento in cui si è iniziato a parlare di un reddito mensile a chi non ha lavoro. L’immagine del divano ha riempito giornali e talk show.

Malgrado il dibattito italiano continui a contorcersi su sé stesso, nel resto del mondo il tema di un “reddito di base incondizionato” (slegato dunque dalle sole politiche attive) è entrato nelle agende di molti paesi.

Iniziamo un viaggio che ci porterà a comprendere meglio cosa sta accadendo, chi sono gli attori coinvolti, cosa si sta sperimentando, quale è lo stato del dibattito a partire anche da quanto accaduto nel biennio della pandemia e nel millennio dell’economia digitale.

Partiamo dagli Stati Uniti e, nelle prossime puntate, gireremo l’intero globo. Ad accompagnarci in questo viaggio, Sandro Gobetti del Basic Income Network Italia.

Seconda parte: dal Brasile all’intero Sudamerica?

Terza parte: Il reddito di base in Africa, da aiuto caritatevole a scintilla di sviluppo


Il reddito di base negli Usa, soluzioni locali a un problema globale

Le grandi trasformazioni del lavoro, l’impatto tecnologico, l’aumento delle nuove povertà che comprendono anche coloro che lavorano, la necessità di individuare nuove forme di redistribuzione economica. Temi che non riguardano solo le politiche nazionali, ma che coinvolgono anche le governance locali. L’alleanza di 51 sindaci statunitensi e le proposte verso un reddito di base sganciato dal lavoro.

Tutto è partito da Michael Tubbs, all’epoca sindaco di Stockton, città di circa trecentomila abitanti dello stato della California. Il nome della coalizione: Mayors for a guaranteed income, Sindaci per un reddito garantito. Giorno dopo giorno, la rete si è ampliata e oggi conta 51 sindaci statunitensi. Grandi e piccole città come Los Angeles, Houston, Philadelphia, San Ant…

Il camouflage di Giorgia Meloni

L’Italia è caduta nelle mani di chi odia l’antifascismo (che è stato il fondamento storico della nostra Costituzione e della nostra vita politica) e tenta ora di spacciarsi per una destra presentabile.

Il tempo della politica incentrata sui leader è finito

L’Italia della Seconda Repubblica da tempo non è più quella del voto per ideologia e appartenenza politica. Continuare a fossilizzarsi sul Leader impedisce di vedere che le correnti di fondo delle scelte elettorali sono mosse dai bisogni della gente comune, anche quando a votare non ci va; e che la politica vince se li interpreta.

Mini storia della mafia e delle sue alleanze

Chiusi i seggi comincia la vera campagna elettorale. Non per prendere poltrone ma per risvegliare un popolo, cui si chiede di lottare e di esistere per “abolire la mafia una volta per tutte”.