Per una critica della ragion limitata. Su “Che cosa abbiamo nella testa?” di Boncinelli e Calvaruso

Nel volume “Che cosa abbiamo nella testa? Il cammino accidentato della ragione”, di recente pubblicazione per il Saggiatore, Edoardo Boncinelli e Antonello Calvaruso, con l’aiuto della psicologia evoluzionistica e delle neuroscienze cognitive, indagano le difficoltà – bias cognitivi, illusioni, trappole e pregiudizi – che incontra l’uso quotidiano della nostra ragione.

Si considerino due comuni oggetti di consumo, A e B, e siano x e x+100 i loro rispettivi prezzi in euro. Da questi dati, è immediato ricavare le due seguenti informazioni: 1) B costa 100 euro più di A e 2) la somma dei prezzi di A e B è pari a 2x+100

Chi non sarebbe in grado di ricavare le informazioni 1) e 2)? Ebbene, pur trovandoci di fronte a un problema di calcolo semplicissimo, molti soggetti sperimentali entrano in difficoltà e forniscono una risposta affrettata e sbagliata se vengono posti di fronte a un quesito che, prendendo le mosse dalle informazioni 1) e 2), chiede di risalire ai dati di partenza: “Se due cose insieme costano 2x+100 e se uno dei due costa 100 euro più dell’altro, quanto costa quest’ultimo”? Uscendo dalle formule generiche e prendendo un esempio concreto, diversi esperimenti di psicologia cognitiva hanno dimostrato che molti soggetti, anche di elevato grado di istruzione, sono irresistibilmente portati in un primo momento a rispondere “10 euro” a un quesito come il seguente: “Se una felpa e un berretto mi sono costati insieme 110 euro e se la felpa mi è costata 100 euro più del berretto, quanto mi è costato il berretto?”. 

Perché accade una cosa così sorprendente? 

Questo semplice e insidioso problema di calcolo offre un modo di entrare nel cuore del volume “Che cosa abbiamo nella testa? Il cammino accidentato della ragione” di Edoardo Boncinelli e Antonello Calvaruso, uscito presso Il Saggiatore il 27 maggio scorso. Esso, infatti, è il secondo dei cinque esempi di situazioni problematiche concrete – che tendono a trarci in inganno e a spingerci a conclusioni affrettate ed errate – con cui si apre il libro di Boncinelli e Calvaruso. Altre esemplificazioni del medesimo problema di calcolo si trovano in almeno due recenti e fortunati testi di divulgazione dedicati ad analoghe questioni di psicologia cognitiva, ovvero Pensieri lenti e veloci del premio Nobel Daniel Kahneman (2011, tr. it. Mondadori 2012; cfr. cap. III) e L’illusione della conoscenza di Steven Sloman e Philip Fernbach (2017, tr. it. Raffaello Cortina 2018; cfr. cap. 4), entrambi presenti tr…

A Hebron è in vigore l’oppressione permanente dei palestinesi

Dalle punizioni collettive alle tecniche di sorveglianza e riconoscimento facciale,  passando per le “sterilizzazioni” delle strade dalla presenza palestinese come le chiamano i soldati, ogni “misura temporanea di sicurezza” che istituzioni e coloni israeliani testano su Hebron diventa poi uno strumento d’oppressione permanente imposto sull’intera Cisgiordania. Per usare le parole di Issa Amro, leader della resistenza non violenta nella regione, Hebron è il “laboratorio dell’occupazione”.

“Israelism”, la rivolta dei giovani ebrei negli USA contro l’indottrinamento sionista

Il film di Sam Eilertsen ed Erin Axelman “Israelism”, proiettato recentemente in Italia, racconta il processo di presa di coscienza di una intera generazione di ebrei americani cresciuti fin da bambini in un ambiente di ferreo indottrinamento al culto di Israele e alla propaganda sionista. Finché molti di loro, confrontandosi con la realtà dei palestinesi attraverso viaggi sul posto o nei campus universitari, non capiscono di essere stati spinti ad annullare la loro ebraicità nella fede cieca in un progetto etnonazionalista.

Basta con le Identity politics: non conta se sei oppresso ma se combatti l’oppressione

Nella sinistra postmoderna il discorso sull’oppressione tende a ridursi al punto di vista della vittima. Gli oppressi vengono collocati all’interno di un gruppo indifferenziato la cui unica cifra è l’oppressione stessa. Questo atteggiamento porta ai giudizi ad hominem, poiché non contano tanto le idee ma la posizione in cui si colloca chi le esprime: se non sei un oppresso, non puoi parlare di emancipazione. Se sei un “vecchio uomo bianco”, tenderai sempre e solo a voler mantenere i tuoi privilegi. Le discussioni su chi ha il diritto di parola dovrebbero però lasciare il posto alle discussioni su che cosa ha da dire.