Il silenzio degli Stati sulla nuova Corte penale internazionale

Nessun commento sull’insediamento del nuovo Prosecutor della Corte penale internazionale e nessun ringraziamento per i 9 anni di lavoro svolto dalla Procuratrice uscente. Una disattenzione che tradisce qualche ipocrisia sul riconoscimento del ruolo dei giudici dell’Aja da parte di molti attori della comunità internazionale, ancora sordi sulla tutela dei diritti umani.

Un silenzio imbarazzante

Tranne qualche rara eccezione, rimasta comunque isolata nel bailamme della comunicazione tradizionale e digitale, è passata pressocché inosservata la notizia dell’insediamento del nuovo Prosecutor della Corte penale internazionale (CPI/ICC) Karim Asad Ahmad Khan, che ha prestato giuramento solenne il 16 giugno scorso. Invero, particolari rilievi mediatici non erano stati registrati neppure all’atto della nomina, formalizzata il 12 febbraio scorso, all’Assemblea dei 123 Stati Parte dello Statuto della ICC, dopo circa sei mesi di non facili mediazioni e senza raggiungere l’auspicato consensus di tutti i votanti, che pure era stato conseguito con i predecessori, l’argentino Luis Moreno Ocampo e la gambiana Fatou Bensouda. La votazione, avvenuta a scrutinio segreto, aveva visto 72 voti a favore del designato Karim Khan, un avvocato britannico specializzato in Human Rights, conosciuto a livello internazionale per aver lavorato per l’accusa nei tribunali penali internazionali per crimini commessi nelle guerre nell’ex Jugoslavia e durante il genocidio ruandese, ma anche per avere difeso Saif al-Islam Gheddafi e per avere diretto sino ad oggi la Commissione d’inchiesta dell’Onu sui crimini dell’Isis. 42 voti erano andati all’irlandese Fergal Gaynor, 5 voti allo spagnolo Carlos Castresana, 4 all’italiano Francesco Lo Voi, attuale Procuratore della Repubblica di Palermo.

Il saluto del Prosecutor uscente

Salvo verifiche dell’ultima ora, non sembra che al nuovo Prosecutor siano pervenuti messaggi di rallegramenti di qualcuno dei Capi di Stato e di Governo dei 123 Stati Parte, che pure avrebbero avuto occasione di esprimerli simbolicamente, per esempio, nel corso dei più recenti vertici del G7, del G20, ma anche della Nato. E ancora più grave sembra – e si vuole ancora confermare qui la più ampia disponibilità ad essere smentiti, se così non fosse – quella forma di scortesia istituzionale che deve segnalarsi nell’assenza di un qualsiasi messaggio di ringraziamento nei confronti della Procuratrice uscente. Si tratta di Fatou Bensouda, una donna coraggiosa che ha condotto importanti processi e ottenuto la condanna dei nuovi criminali di guerra in ben 9 anni di attività, venendo ripagata da minacce esplicite e da un clima intimidatorio, culminato nell’executive order per “ingerenza” e “minaccia alla sicurezza nazionale” del Presidente Trump e nella v…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.