“Avevano paura del suo potere. Avevano paura del suo amore”

Sono passati cinquant’anni dalla morte di George Jackson, militante del Black Panther Party, simbolo dell’incarcerazione di massa dei neri, ucciso da una guardia nel carcere di San Quintino.

I woke up this mornin’,

There were tears in my bed.

They killed a man I really loved

Shot him through the head.

È il 4 novembre del 1971 quando Bob Dylan incide la canzone da cui sono tratti questi versi. L’uomo che amava molto e per la morte del quale aveva bagnato di lacrime il cuscino era George Jackson, militante del Black Panther Party ucciso nel carcere di San Quintino due mesi prima, il 21 agosto del 1971. Esattamente cinquant’anni fa. 

Al momento della sua morte, Jackson aveva già trascorso dieci anni in carcere. Nel 1960 era stato accusato di aver guidato un’auto durante una rapina a mano armata a un distributore di benzina. Bottino: 70 dollari. Dentro e fuori di prigione dall’età di 15 anni, in quell’occasione viene condannato al carcere a tempo indeterminato: da un anno a fine pena mai. Una commissione è incaricata di vagliare il caso ogni anno. 

«Ho accettato di confessare in cambio di una leggera pena detentiva», scrive nel suo libro Fratelli di Soledad. Lettere dal carcere, pubblicato nel 1970. «Quando è arrivato il momento della sentenza, mi hanno buttato nel penitenziario con una pena da un anno a vita. Era il 1960. Avevo 18 anni. Da allora sono qui».

È in carcere che Jackson inizia il suo percorso di politicizzazione («Quando sono entrato in prigione ho incontrato Marx, Lenin, Trotsky, Engels e Mao e mi hanno riscattato»), percorso che lo porterà, tra le altre cose, a fondare insieme ad altri la Black Guerilla Family, braccio carcerario del Black Power. 

Trasferito nel carcere di Soledad, nel 1970 viene accusato assieme ad altri due prigionieri neri, Fleeta Drumgo e John Cluchette (i tre saranno poi conosciuti come “Soledad Brothers”), dell’uccisione di una guardia bianca, John Mills, picchiata e scaraventata giù dal terzo piano, tre giorni dopo la morte nello stesso carcere di tre detenuti neri per mano di un’altra guardia bianca. 

In attesa del processo, i Soledad Brothers vengono trasferiti nel blocco di massima sicurezza di San Quintino. Rischiano la pena di morte. La loro difesa diviene una delle priorità del movimento nero e vede tra gli altri in prima linea Angela Davis. Un impegno che le cambierà la vita: il contatto con questa vicenda la condurrà infatti in prigione. Verrà incarcerata nel 1970 con l’accusa di rapimento, cospirazione e omicidio (sarà poi assolta da tutte le accuse) perché una p…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.