Riace ieri, oggi e un domani

Reportage dal comune calabrese. Aspettando il 27 settembre, giorno della sentenza nel processo che riguarda l’ex sindaco Mimmo Lucano, viaggio in quel che resta del “paese dell’accoglienza”. Un paese, però, pronto a ripartire.

RIACE – “Quello che stai vedendo ora è niente rispetto a quello che era”. Alessio, titolare del bar Meeting, si riferisce alle persone che, sedute ai vari tavoli di via Roma che affacciano sull’arena, si salutano, parlano tra loro. La sensazione è quella di una tavolata unica. Si discute con persone mai viste prima. I bambini durante la cena corrono su e giù dalle scale dai colori della bandiera della pace, oggi scrostata e scolorita. Segni di incuria che in realtà sono un chiaro messaggio politico. “Qui incontravi il mondo” ribadisce Alessio, rientrando nel bar.

Il giorno successivo la scena è la stessa. Mancano i bambini, sostituiti da un gruppetto di anziani che saluta chiunque passi dalla piazzetta. Sono le otto e trenta del mattino di una domenica di fine luglio che si preannuncia torrida. L’appuntamento con Mimmo Lucano è agli stessi tavolini dello stesso bar. L’intervista (che potete leggere qui) inizia come una chiacchierata. La sensazione è quella di avere davanti ancora il sindaco di Riace e non un candidato alle prossime elezioni regionali. Sicuramente non una persona sotto processo e che rischia quasi otto anni di carcere.

Il suo pensiero fisso: le auto parcheggiate davanti all’arco simbolo di Riace città dell’accoglienza. “Quando ero sindaco questa era una vera piazza”. Ora “è solo una strada occupata in parte dai tavolini del bar”. La sera precedente Alessio ci ha raccontato di ombrelloni a forma di palme, di fiori nei vasi. “Oggi invece devo mettere normali tendoni da bar”. Le auto parcheggiate dove prima c’erano persone sono l’immagine che Mimmo Lucano, involontariamente, sceglie di darci per mostrare quello che definisce “il cambiamento”.

Attesa. Dopo diversi minuti di conversazione con il sindaco, si respira attesa. Della sentenza. Del risultato elettorale che sarà. Della decisione della Cassazione sulla decadenza, causa illegittimità in quanto dipendente comunale, dell’attuale primo cittadino…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.