Riace ieri, oggi e un domani

Reportage dal comune calabrese. Aspettando il 27 settembre, giorno della sentenza nel processo che riguarda l’ex sindaco Mimmo Lucano, viaggio in quel che resta del “paese dell’accoglienza”. Un paese, però, pronto a ripartire.

RIACE – “Quello che stai vedendo ora è niente rispetto a quello che era”. Alessio, titolare del bar Meeting, si riferisce alle persone che, sedute ai vari tavoli di via Roma che affacciano sull’arena, si salutano, parlano tra loro. La sensazione è quella di una tavolata unica. Si discute con persone mai viste prima. I bambini durante la cena corrono su e giù dalle scale dai colori della bandiera della pace, oggi scrostata e scolorita. Segni di incuria che in realtà sono un chiaro messaggio politico. “Qui incontravi il mondo” ribadisce Alessio, rientrando nel bar.

Il giorno successivo la scena è la stessa. Mancano i bambini, sostituiti da un gruppetto di anziani che saluta chiunque passi dalla piazzetta. Sono le otto e trenta del mattino di una domenica di fine luglio che si preannuncia torrida. L’appuntamento con Mimmo Lucano è agli stessi tavolini dello stesso bar. L’intervista (che potete leggere qui) inizia come una chiacchierata. La sensazione è quella di avere davanti ancora il sindaco di Riace e non un candidato alle prossime elezioni regionali. Sicuramente non una persona sotto processo e che rischia quasi otto anni di carcere.

Il suo pensiero fisso: le auto parcheggiate davanti all’arco simbolo di Riace città dell’accoglienza. “Quando ero sindaco questa era una vera piazza”. Ora “è solo una strada occupata in parte dai tavolini del bar”. La sera precedente Alessio ci ha raccontato di ombrelloni a forma di palme, di fiori nei vasi. “Oggi invece devo mettere normali tendoni da bar”. Le auto parcheggiate dove prima c’erano persone sono l’immagine che Mimmo Lucano, involontariamente, sceglie di darci per mostrare quello che definisce “il cambiamento”.

Attesa. Dopo diversi minuti di conversazione con il sindaco, si respira attesa. Della sentenza. Del risultato elettorale che sarà. Della decisione della Cassazione sulla decadenza, causa illegittimità in quanto dipendente comunale, dell’attuale primo cittadino…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.