La Russia di oggi e la fine dell’Unione Sovietica, trent’anni dopo

Trenta anni fa (18-21 agosto 1991) il tentato colpo di Stato che sancì la fine dell’Unione Sovietica. Un tentativo tragicomico di fermare la dissoluzione dell’Urss che ha rappresentato la nascita di fatto della Russia di oggi. Poteva esserci un’altra conclusione per la perestrojka? Una riflessione sull’onda lunga della crisi del 1991 nello spazio post-sovietico.

Attorno al trentennale del tentato colpo di stato che sancì la fine dell’Unione Sovietica nel 1991 non vi è grande attenzione, nella Russia di oggi. Dei protagonisti di quei giorni, nessuno, tranne Gorbaciov, è restato in vita: gli otto membri del Comitato statale per lo stato di emergenza (la denominazione assunta dall’organismo direttivo dei golpisti) sono scomparsi, il loro antagonista Eltsin anche, e gli avvenimenti del 18-21 agosto a Mosca sembrano lontani nel tempo e nello spazio. Eppure, da quel tentativo tragicomico di fermare il processo di sgretolamento dell’Urss ne è nata una ulteriore accelerazione, e i carri armati nelle strade della capitale sovietica hanno rappresentato la fine, alquanto ingloriosa, della perestrojka e la nascita di fatto della Russia di oggi. Il destino di Gorbaciov, isolato nella dacia di Foros, in Crimea, e poi estromesso di fatto dagli eventi successivi al golpe, in un certo senso è l’immagine di quella fine di un cambiamento spesso invocato, ma confusamente praticato senza seguire alcuna traccia, recitato attorno a un canovaccio che vedeva l’ultimo segretario del PCUS al centro dei riflettori. 

Vi è l’abitudine di vedere i giorni del golpe come il momento decisivo per la fine dell’Unione Sovietica. In realtà, l’implosione del sistema partiva da lontano, e le onde scatenate da esso si riverbereranno a lungo in Russia e nello spazio post-sovietico. Un errore di prospettiva dovuto alla lettura degli avvenimenti prestando attenzione esclusivamente al centro, e sottovalutando la complessa dialettica tra centro e periferie, tra le varie repubbliche facenti parte dell’Unione Sovietica e in che modo queste contraddizioni si fossero accumulate fino alla definitiva crisi. 

Lo sgretolamento dell’Urss, tra perestrojka e questione nazionale

Alcune di queste contraddizioni ancora oggi continuano a esser parte del frastagliato scenario politico dello spazio post-sovietico. Nell’autunno del 2020 abbiamo assistito alla ripresa del conflitto tra armeni e azeri nel Nagorno-Karabakh, conclusosi con la vittoria di Baku, forte del sostegno di Erdogan e delle forniture militari israeliane. Un …

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.