Radici: storie di italiani espatriati / Seconda puntata (PODCAST)

Sono quasi novecentomila gli italiani espatriati negli ultimi dieci anni. Al primo posto tra le mete scelte il Regno Unito, a seguire Germania e Francia. È proprio in Germania che dieci anni fa ha scelto di emigrare Carmen; la sua storia, raccontata in questo secondo episodio di “Radici”, è quella di tanti italiani che hanno scelto di piantare nuove radici altrove.

Prima puntata – Radici: le storie di Abdoulaye e Hermann

Li chiamano expat, ovvero espatriati, i giovani italiani che decidono di emigrare all’estero per i più svariati motivi, come se la parola emigrati ancora oggi facesse paura. Una parola che ci riporta alle grandi migrazioni dei nostri connazionali che nei secoli hanno trovato casa fuori dall’Italia. Si partiva per povertà, per disperazione, per cercare una vita più fortunata altrove. A volte il successo arrivava, altre si arrancava nel tentativo di sopravvivere al di là di un oceano, lontano da radici e famiglia.

È questo a non essere cambiato.

La globalizzazione ha sicuramente aiutato a percepire in modo diverso la distanza e forse anche ad innescare nelle nuove generazioni il senso di appartenenza a un non luogo, ma una volta fuori dall’Italia ricostruirsi da capo richiede tempo e non poche difficoltà.

Negli ultimi dieci anni sono quasi novecentomila gli italiani espatriati. Sul podio delle mete scelte ci sono al primo posto Regno Unito, a seguire Germania e Francia. 

È proprio in Germania che dieci anni fa ha scelto di emigrare Carmen; la sua storia, raccontata in questo episodio, è la storia di tanti italiani che hanno scelto di piantare nuove radici altrove.

A testimoniare quello che a tutti gli effetti può definirsi un trend in crescita è Sara Fornari, psicoterapeuta tra le fondatrici di Con te all’estero, un team di psicoterapeuti che offre sostegno ai tanti italiani che hanno scelto di vivere fuori dal nostro Paese.

Ascolta “Radici: storie di italiani espatriati / Seconda puntata” su Spreaker.

CREDIT FOTO: ANSA/TELENEWS

Giornata della Memoria: immagine dell'archivio federale tedesco, il boicottaggio di un negozio ebreo da parte delle SA naziste.

Giornata della Memoria: Karl Jaspers e la questione della colpa

Nella celebrazione della Giornata della Memoria, data simbolo del nostro calendario civile, c’è chi, come Karl Jaspers, tra tormenti e compiti etici ha fatto della responsabilità collettiva della Germania un argomento di sofferte riflessioni.  

L'estrema destra in America Latina è sempre più violenta, foto delle proteste in Peru

L’estrema destra in America Latina è sempre più violenta

L’assalto brasiliano al palazzo del Congresso è solo l’ultimo atto di un’estrema destra in America Latina che si sta facendo sempre più pericolosa e violenta: dalla situazione di sospensione democratica di fatto in Perù fino al mancato attentato a Cristina Kirchner in Argentina, una parte di estrema destra connessa ai movimenti reazionari mondiali non smette di minacciare la democrazia, la società civile e i diritti umani fondamentali nel nome della solita triade “Dio, Patria, Famiglia”.

Il Ponte sullo Stretto di Messina nella serie Primevideo The Bad guy

Il Ponte sullo Stretto di Messina non è un progetto ma un emblema

Il Ponte sullo Stretto di Messina risponde a esigenze simboliche e politiche. Se l’obiettivo è migliorare la vita degli abitanti della Sicilia e avvicinare l’isola al resto d’Italia, si può scoprire che realizzare l’Alta Velocità tra Palermo, Catania e Messina e organizzare un servizio di traghetto Ro-Ro avrebbe gli stessi benefici ma con costi molto più bassi e impatti ambientali e sociali pressoché nulli.