Radici: storie di italiani espatriati / Seconda puntata (PODCAST)

Sono quasi novecentomila gli italiani espatriati negli ultimi dieci anni. Al primo posto tra le mete scelte il Regno Unito, a seguire Germania e Francia. È proprio in Germania che dieci anni fa ha scelto di emigrare Carmen; la sua storia, raccontata in questo secondo episodio di “Radici”, è quella di tanti italiani che hanno scelto di piantare nuove radici altrove.

Prima puntata – Radici: le storie di Abdoulaye e Hermann

Li chiamano expat, ovvero espatriati, i giovani italiani che decidono di emigrare all’estero per i più svariati motivi, come se la parola emigrati ancora oggi facesse paura. Una parola che ci riporta alle grandi migrazioni dei nostri connazionali che nei secoli hanno trovato casa fuori dall’Italia. Si partiva per povertà, per disperazione, per cercare una vita più fortunata altrove. A volte il successo arrivava, altre si arrancava nel tentativo di sopravvivere al di là di un oceano, lontano da radici e famiglia.

È questo a non essere cambiato.

La globalizzazione ha sicuramente aiutato a percepire in modo diverso la distanza e forse anche ad innescare nelle nuove generazioni il senso di appartenenza a un non luogo, ma una volta fuori dall’Italia ricostruirsi da capo richiede tempo e non poche difficoltà.

Negli ultimi dieci anni sono quasi novecentomila gli italiani espatriati. Sul podio delle mete scelte ci sono al primo posto Regno Unito, a seguire Germania e Francia. 

È proprio in Germania che dieci anni fa ha scelto di emigrare Carmen; la sua storia, raccontata in questo episodio, è la storia di tanti italiani che hanno scelto di piantare nuove radici altrove.

A testimoniare quello che a tutti gli effetti può definirsi un trend in crescita è Sara Fornari, psicoterapeuta tra le fondatrici di Con te all’estero, un team di psicoterapeuti che offre sostegno ai tanti italiani che hanno scelto di vivere fuori dal nostro Paese.

Ascolta “Radici: storie di italiani espatriati / Seconda puntata” su Spreaker.

CREDIT FOTO: ANSA/TELENEWS

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.