Capitalismo e imperialismo

La categoria di imperialismo è diventata obsoleta? Nient’affatto. Non riconoscere l’imperialismo come tendenza sistemica del capitale metropolitano alla dominazione di particolari regioni periferiche significa perdere l’occasione per comprendere sia il colonialismo, sia il capitalismo contemporaneo.

Un estratto dal volume “Una teoria dell’imperialismo. Il viaggio delle merci” di Prabhat Patnaik e Utsa Patnaik (Meltemi editore) in libreria.

Il termine “imperialismo”, sebbene utilizzato ampiamente nei paesi del terzo mondo, è diventato piuttosto raro nelle analisi radicali sviluppate nei paesi capitalisti avanzati. Termini come “impero” lo hanno progressivamente sostituito [1]. Anche quando, occasionalmente, viene usato, serve a descrivere la tendenza della principale potenza capitalista, gli Stati Uniti, a esercitare egemonia politico-militare sulle nazioni del terzo mondo (singolarmente o con il supporto dei suoi alleati), senza però riferimenti alla necessità economica di fare ciò. Anzi, oggi molti marxisti noti rifiutano esplicitamente il termine “imperialismo” nel senso di tendenza sistemica del capitale metropolitano alla dominazione di particolari regioni periferiche.

Questa riluttanza all’utilizzo del termine “imperialismo” non sorprende affatto. Il modo in cui questo concetto è stato utilizzato fino ad alcuni decenni fa presuppone una divisione del mondo in due parti, con i lavoratori e i capitalisti di una di queste parti situati in una posizione migliore dei loro corrispettivi dell’altra. In quella condizione, aveva senso parlare di una tendenza sistemica considerata basilare per l’imperialismo. Ma, nel contesto contemporaneo, la globalizzazione ha realizzato due trasformazioni fondamentali. Da una parte, in molti paesi del terzo mondo, come l’India, la grande borghesia interna non solo è strettamente integrata con il capitale finanziario internazionale, ma ha anche prosperato ed è progredita: la lista dei miliardari più ricchi al mondo oggi non comprende solo i nomi di persone che provengono dai paesi capitalisti avanzati, come succedeva una volta, ma anche un discreto numero di nomi cinesi o indiani.

Dall’altra parte, il capitale è libero di muoversi tra le nazioni e di installare nel terzo mondo stabilimenti per la produzione di beni destinati non solo al mercato locale, ma all’esportazione nell’intero mercato mondiale. Dal momento in cui questa libertà non è solo virtuale, ma effettivamente esercitata dal capitale metropolitano (che colloca in Cina e da altre parti stabilimenti industriali funzionali a rifornire il mercato mondiale), oggi i lavoratori dei paesi metropolitani si trovano in competizione con lavoratori del terzo mondo che hanno retribuzioni più basse. Essi non sono più protetti rispetto ai bassi salari che, nel terzo mondo, sono la norma.

Nell’era della globalizzazione è venuta meno quella segmentazione dell’economia mondiale tale per cui i lavoratori di una parte del mondo vedevano aumentare i loro salari più o meno in sincrono con l’incremento della produttività lavorativa, mentre i lavoratori dell’altra parte restavano bloccati a un livello di sussistenza (in realtà nemmen…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.