Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Migranti in trappola nella “prigione messicana”

Le immagini della polizia texana a cavallo che frusta i migranti che provano a passare il confine hanno acceso i riflettori sulla crisi migratoria tra Messico e USA. Ma, lontano dalle fotocamere, alla frontiera sud con il Guatemala, la situazione è addirittura peggiore. Intanto a Tijuana, tra le baraccopoli, spunta, scintillante, un nuovo stabilimento di Amazon. Perché le merci possono e devono arrivare là dove le persone non possono.

Non siamo noi che chiudiamo le frontiere, siete voi che siete poveri. Potremmo sintetizzare così la politica migratoria degli Stati Uniti di Joe Biden.

In piena crisi umanitaria lungo il confine sud, la polizia di frontiera texana ha usato cavalli e fruste per fermare le migliaia di persone (la stima è di circa 300mila) provenienti da Haiti che ormai da anni sono “intrappolate” in Messico dopo l’emigrazione di massa avvenuta in seguito al terremoto del 2010 e alla conseguente crisi economica e politica. Prima dell’accordo tra Andrés Manuel López Obrador e Donald Trump del giugno 2018 che ha trasformato, di fatto, la politica estera messicana in una sorta di clone di quella statunitense, arrivare in Messico da Haiti era relativamente semplice: gli haitiani ricevevano un permesso per entrare nel Paese per venti giorni e, da lì, puntavano verso gli Stati Uniti. Negli ultimi tre anni, però, il Messico ha iniziato una vera e propria deportazione degli immigrati, soprattutto haitiani, rimasti bloccati dal muro a stelle e strisce verso sud, verso il Guatemala. Ed è da lì che ricomincia ogni volta il viaggio della speranza verso gli Stati Uniti.

Lungo il confine nord è la polizia texana a fare il lavoro sporco, quello di gendarme della frontiera che ha bloccato ben diecimila persone – sono sempre stime – lungo il fiume Rio Grande, mentre il governo federale da un lato si dichiara “imbarazzato” per le frustate, mentre dall’altro porta a termine il lavoro, rimpatriando gli haitiani letteralmente catturati dagli agenti texani.

Biden. Trump. Obama. Bush. Clinton. Per chi ha provato a raggiungere da sud gli Stati Uniti il risultato è stato lo stesso, a prescindere dall’inquilino della Casa Bianca: un muro di reti, barriere metalliche, termo scanner a lungo raggio e migliaia di agenti della Border Patrol schierati per respingere o arrestare le persone che provano a passare il confine: i poveri.

Quello che è cambiata invece lungo quel confine è la possibilità di commerciare merci senza dazi doganali grazie al NAFTA, il trattato di libero commercio tra Messico, USA e Canada, entrato in vigore il 1° gennaio 1994, pochi mesi dopo la…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.