Speciale Antonio Cederna a cento anni dalla nascita. Con contributi di Antonio Cederna, Giulio Cederna, Francesco Erbani, Maria Pia Guermandi, Lorenzo Grassi, Mariasole Garacci, Paolo Berdini.

Redazione

Una vita spesa a difendere i beni culturali, le città e i centri storici, l’ambiente. A cent’anni dalla nascita (Milano, 27 ottobre 1921), dedichiamo questo numero di MicroMega+ ad Antonio Cederna, grande giornalista e intellettuale impegnato in mille battaglie a tutela del patrimonio archeologico, artistico e ambientale di Roma e d’Italia.

In apertura dello speciale, Giulio Cederna passa in rassegna la ricchissima, ma mai menzionata, produzione di articoli del padre per rivendicare parchi, aree gioco, asili, spazi pensati e progettati per bambini e ragazzi (“La cartolina ritrovata. Antonio Cederna e i bambini”). Un’attenzione ai bisogni dell’infanzia che ritorna in continuazione anche negli interventi sull’urbanistica, la città pubblica, le periferie.

Francesco Erbani (“La pianificazione urbanistica per battere i vandali) evidenzia poi un elemento centrale nel pensiero di Cederna: la messa a valore culturale dell’antico è il passo necessario per la costruzione di un assetto moderno e funzionale di città in grado di facilitare la convivenza, mitigare le disuguaglianze e produrre bellezza.

Decenni di malgoverno hanno portato Roma al collasso. Secondo Maria Pia Guermandi (“Il Progetto Fori: un’altra idea di Roma”), la rinascita della città potrebbe partire dal progetto urbanistico e sociale che vide Cederna fra i principali sostenitori: la rimozione di via dei Fori Imperiali e la creazione di un parco archeologico urbano.

Come spiega anche Lorenzo Grassi (“Repetita iuvant”) in questo centenario l’unico modo onesto e virtuoso di ricordare Cederna è quello di ripartire seriamente dal suo sogno, il Parco dei Fori Imperiali e dell’Appia Antica.

Il nuovo sindaco di Roma – scrive Mariasole Garacci (“Antonio Cederna e la città stanca)dovrà curare una città stanca e sfibrata. Anche oggi Cederna avrebbe ribadito una volta di più la necessità che la politica difenda il patrimonio culturale, il verde e la vivibilità dei quartieri.


Antonio Cederna è stato anche un amico e collaboratore di MicroMega. Dall’archivio della rivista riproponiamo due suoi saggi: Unica soluzione, la pianificazione” (MicroMega 1/1990) e “Apologia dell’urbanistica” (MicroMega 4/1996).

Al ricordo di Cederna è dedicato anche un articolo di Paolo Berdini pubblicato su MicroMega.net (“Invettiva civile e cultura di governo: la lezione di Antonio Cederna) in cui si sottolinea comeCederna, maestro delle denunce e dell’invettiva civile, sia stato anche uomo di governo, protagonista e ispiratore della fase dell’espansione delle leggi della tutela e del governo delle città. Straordinari risultati che il trentennio neoliberista ha rimesso in discussione.

Buona lettura!

Il Pnrr? Non democratico e poco trasparente

Niente progetti green, assenza di partecipazione, cittadini non considerati e il mondo dell’accademia messo ai margini. Nicoletta Parisi – coordinatrice di LIBenter, osservatorio sul Pnrr promosso da Università Cattolica, Cnel, Fondazione Etica e Libera – denuncia: “Se nella scrittura del Piano non c’è stata partecipazione, nell’esecuzione cosa accadrà?”.

Quirineide, l’azzardo di Draghi

A febbraio 2022 si voterà il tredicesimo presidente della Repubblica. Un’elezione piena di incognite e insidie che rischia di trasformare la nostra democrazia in un semipresidenzialismo di fatto.