Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Salvare il parlamentarismo dalla sua attuale controfigura

La provocazione di Giorgetti sul “semi-presidenzialismo di fatto” ha generato una discussione non all’altezza della gravità delle parole del ministro. Per salvare il nucleo parlamentare della Repubblica non bastano appelli generici o denunce morali. Occorre compiere alcuni passi normativi. Ecco quali.

Le dichiarazioni di Giorgetti sul “semi-presidenzialismo di fatto” hanno generato un acceso dibattito, rivelatosi, prevedibilmente, non del tutto all’altezza della gravità delle parole del ministro. Ci sono (state) due tipologie di risposta a questa provocazione. La prima, contraria, si appoggia sull’argomento della deriva autoritaria e del vulnus democratico; la seconda, essenzialmente convergente con Giorgetti, conferma la volontà di un semi-presidenzialismo de facto senza riforma costituzionale: la presenza di Draghi, e non di altre figure, è essenziale per dare forza a questa prospettiva.

Vorrei qui cercare di spiegare in che modo questi due atteggiamenti e risposte alla provocazione di Giorgetti non solo siano sbagliate, ma siano allo stato attuale del tutto complementari: due facce della stessa medaglia.

Ora, come ha detto Paolo Mieli in un intervento al programma Piazzapulita, le affermazioni di Giorgetti non sono tanto prescrittive, quanto descrittive della situazione istituzionale italiana degli ultimi decenni. È effettivamente proprio così. Com’è noto ormai da tempo, dalla fine della prima Repubblica, e in sostanza dalla fine del regime dei partiti, il Quirinale ha giocato un ruolo essenziale negli equilibri di potere anche esecutivo.

Qui c’è da fare una premessa: il Presidente, da precetto costituzionale, al di là di tutte le altre funzioni che non sono qui tema di analisi, ha sempre avuto la facoltà di formare l’esecutivo, nominare i ministri (tra cui il primo ministro) e sciogliere le camere.

Queste funzioni riconosciute erano presenti tecnicamente anche nella Prima Repubblica, ma è indubbio che, all’epoca, erano i partiti – con i loro complessi equilibri e in forza di un consenso popolare relativamente solido – a decidere in ultima istanza le compagini di governo e a “concorrere a determinare la politica nazionale”, come recita l’articolo 49 della Costituzione.

Negli ultimi tre decenni – con l’eccezione della parentesi e del tentativo di bipolarismo centro-sinistra/centro-destra – la funzione del Quirinale è rimasta la stessa ma è cambiata di sostanza e di qualità effettiva. Il Presidente della Repubblica – da Ciampi sino a Mattarella passando per Napolitano – ha rappresentato molto di più della semplice funzione di garante e arbitro. Questo cambiamento qualitativo del ruolo del Quirinale non può essere misurato sulla base di riscontri legali (non c’è stata alcuna riforma che ne abbia mutato le funzioni), bensì sul piano essenzialmente politico ed effettuale o, meg…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.