Chi possiede i nostri dati?

I dati personali generati dalle nostre interazioni sul web sono una risorsa di così grande valore commerciale da essere considerati il “nuovo petrolio”. Allo stesso tempo, però, questi dati comportano grandi rischi che richiedono forme di governance radicalmente nuove.

Assistiamo oggi alla corsa all’estrazione e allo sfruttamento di una risorsa precedentemente lasciata intatta: i nostri dati personali. I ritorni economici di questo bene sono così grandi che gli esperti si sono affrettati a soprannominarlo “nuovo petrolio”. Ma anziché attingendo ai resti di antiche alghe e zooplancton, lo produciamo utilizzando social network come Facebook e TikTok. Lo trasudiamo quando navighiamo in internet, attivando “cookie” di tracciamento elettronico che gli inserzionisti hanno abilmente disseminato sul web. Lo pompiamo coi nostri muscoli non appena allacciamo uno smartwatch Fitbit o attiviamo un servizio di orientamento mentre camminiamo o guidiamo verso il lavoro o la scuola. E, sempre di più, sgorgherà da dispositivi “intelligenti” collegati a case, quartieri e città, molti dei quali con la capacità di geolocalizzare e tenere traccia delle nostre azioni e abitudini.

I dati personali derivati da queste fonti, e poi aggregati, vengono utilizzati per addestrare strumenti di machine learning, e quindi offrire previsioni su precise fette demografiche e anche su specifiche persone. Raggruppati nel loro insieme, i dati personali diventano una risorsa di valore commerciale. Circolano tra data brokers e inserzionisti, in campagne politiche e persino in Stati stranieri come prezioso carburante che alimenta interventi predittivi. Nel 2019, ad esempio, il solo settore dell’intermediazione di dati negli Stati Uniti valeva più di 200 miliardi di dollari. Allo stesso tempo, quei dati comportano nuovi rischi, come gli effetti divisivi e radicalizzanti della progettazione dell’algoritmo di Facebook e le gravi perdite finanziarie e in termini di privacy ai danni dei singoli che si verificano quando vengono violate le banche dati di un’azienda.

I grandi rischi di questo “nuovo petrolio” richiedono forme di governance radicalmente nuove. Il Regolamento generale sulla protezione dei dati approvato dall’Unione Europea (GDPR) è un passo in questa direzione. Ma resta una questione aperta se il regime dei diritti individuali contenuto in quel regolamento sarà sufficiente ad affrontare la sfida. E molti (me compreso) hanno sollevato dubbi sul fatto che il GDPR abbia implementato diritti efficaci solo se i loro titolari sanno come impiegarli e hanno le risorse per farlo. Quando né l’una né l’altra cosa possono essere date per scontate nel contesto dei dati personali. Cos’altro si può fare, quindi, per integrare misure come il GDPR?

La risposta implica una domanda troppo spesso elusa: chi possiede i dati personali? E c’è un modello di proprietà dei dati che riconosca l’interesse collettivo esistente nel modo in cui questi dati vengono utilizzati, che eviti i costi dello sfruttamento privato a ruota libera da parte delle singole imprese e che non scivoli in forme autoritarie di controllo statale?

Penso di sì: esso si concentra non sulla privacy, ma sull’idea più basilare di proprietà, e implica il riconoscimento che i dati generati attraverso le nostre interazioni sono fondamentalmente nostri in modo collettivo. I dati personali generati in una determinata giurisdizione possono essere considerati per legge “public trust” di quella giurisdizione[1]. Sarebbero quindi soggetti a vincoli e tasse d’uso e ad altre regole generate da un organismo democratico. Lo scopo di tale vincolo sarebbe ricompensare coloro che quei dati li creano, evitare usi dannosi e promuovere importanti beni pubblici. Allo stesso tempo, sarebbe proibito lo sfruttamento malevolo da parte dello Stato. I dati, cioè, rimarrebbero sui server di società private – nessun funzionario statale avrebbe accesso diretto a essi – ma il suo proprietario beneficiario sarebbe il pubblico e il suo utilizzo sarebbe soggetto a deliberazione e giudizio democratici.

Avvisaglie di un simile sistema già si intravedono in alcun…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.