Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Aborto: diritto alla salute o diritto all’autodeterminazione? Dalla pandemia alle proposte per una nuova legge

Da 43 anni la 194 è costantemente sotto attacco e l’emergenza sanitaria ha acuito le difficoltà di accesso all’interruzione volontaria di gravidanza. È tempo di discutere una nuova legge, non più ipocrita e stigmatizzante, che riconosca il pieno diritto di cittadinanza per tutte le donne.

La pandemia SARS CoV-2 è stata un significativo banco di prova per i sistemi sanitari pubblici, rendendo più evidenti ed esacerbando non solo le differenze tra i vari paesi, ma anche tra le varie regioni all’interno degli stessi paesi. In particolare, essa ha avuto, e ha tuttora, un notevole impatto sulla salute e sui diritti riproduttivi: le misure prese per contenere il contagio, quali la riorganizzazione delle strutture ospedaliere, la chiusura di alcuni centri, il lockdown e il blocco degli spostamenti, hanno complicato e in alcuni casi fortemente limitato la possibilità di accesso all’interruzione volontaria della gravidanza (Moreau C, et al: BMJ Sex Reprod Health, 2020; 0: 1-8). Come sempre avviene nei periodi di crisi, l’emergenza sanitaria è stata utilizzata come pretesto per limitare e per mettere in discussione il diritto all’aborto: l’Ungheria di Orban ha vietato la procedura chirurgica (l’unica possibile in quel paese) definendola non indispensabile per salvare la vita delle persone, e, fra gli altri, nel nostro paese l’associazione Pro-vita e Famiglia ha indirizzato una petizione al Ministro della Salute Speranza, chiedendo di bloccare gli aborti, in quanto procedure non indispensabili né urgenti.

Sebbene, con la Circolare n. 8076 del 30 marzo 2020, il Ministero della Salute abbia chiarito che le interruzioni volontarie di gravidanza sono urgenze non procrastinabili, in assenza di indicazioni chiare, alcuni centri IVG sono stati chiusi; inoltre, nella stragrande maggioranza delle regioni italiane l’ostinazione a mantenere l’obbligo del ricovero ordinario per l’aborto farmacologico ha paradossalmente reso meno accessibile una procedura che negli altri paesi veniva privilegiata perché, essendo eseguita “at home” o in telemedicina, evita l’ospedalizzazione e comporta un minor rischio di contagio. Addirittura, nel giugno 2020 la Regione Umbria ha approvato una delibera, inserita nelle “Linee di indirizzo per le attività sanitarie nella Fase 3” dell’emergenza Coronavirus, nella quale incomprensibilmente si aboliva la possibilità di ricovero in Day Hospital per la IVG farmacologica, ripristinando l’obbligo di ricovero ordinario, che avrebbe costretto le donne a una degenza di almeno 3 giorni in ospedale (delibera annullata nel dicembre 2020).

Di fronte alle crescenti difficoltà di accesso all’aborto, alcune donne si sono viste costrette a portare avanti gravidanze indesiderate, subendo le maternità non volute come destini immodificabili; in un articolo pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Nature (Foster DG, Nature, Nov 2021, Vol 599: 349) la ricercatrice Diana Greene Foster, autrice del “Turnaway Study”, è tornata a sottolineare come questo comporti gravi conseguenze per la salute, non soltanto delle donne, ma anche dei loro figli (Foster DG et al, The Journal Of Pediatrics, Feb 2019, Vol 205: 183-189).

Per altre, la scelta è stata quella dell’aborto clandestino. Secondo un articolo recentemente pubblicato sul British Medical Journal (Brandel K et al, BMJ Sex Reprod Health 2021; 0:1–7), da marzo 2019 a novembre 2020, in piena pandemia, 778 donne italiane si sono rivolte all’organizzazione Women on Web per ottenere i farmaci per l’aborto.

È difficile fare una stima degli aborti clandestini, soprattutto se si utilizzano indicatori che oggi sono decisamente poco realistici: il citato studio del BMJ ci fa infatti riflettere ancora su come il fenomeno abbia profondamente cambiato volto, almeno negli ultimi quindici anni, e su quanto poco senso abbia cercare di registrarlo sulla base delle possibili complicazioni, come avveniva per le procedure chirurgiche, ormai praticamente abbandonate e soppiantate dall’uso di farmaci.

In questa ottica, …

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.