Covid e vaccini: le colpe dei governi e la tirannia di Big Pharma

Il deficit di solidarietà internazionale e l’apartheid sanitario nella distribuzione dei vaccini tra nord e sud del pianeta rischiano di rendere impossibile la sconfitta della pandemia.

Alla fine del secondo anno di pandemia, il coronavirus SARS-CoV-2 mantiene inalterata la propria folgorante capacità di generare nuovi stati di eccezione. Abbiamo visto, alla fine di novembre, come l’insorgere della variante Omicron identificata in Sudafrica abbia determinato come primo risultato la repentina decisione di sospendere la 12ma Conferenza interministeriale dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (Omc), un appuntamento negoziale molto atteso, anzi decisivo per il futuro stesso dell’istituzione con sede a Ginevra: rimandato a data da destinare. L’anno 2021 era stato inaugurato nel corale entusiasmo per il trionfo della scienza che era riuscita a sviluppare una prima tornata di vaccini anti COVID-19 in meno di un anno, e con la soddisfatta attesa per l’avvio delle produzioni vaccinali su scala mai vista prima. Un’euforia quasi inebriante: la corsa ai vaccini aveva ispirato il presidente Biden alla celebrazione, il 4 luglio 2021, della indipendenza statunitense dal virus, in piena linea di continuità con l’obiettivo America first di Donald Trump. Ci aveva pensato poi la variante Delta a costringere la leadership americana a un bagno di realtà. In Europa, la gara alle vaccinazioni ha tenuto banco per mesi come criterio per misurare la credibilità delle nazioni, mentre le società sentivano ormai di averla scampata, e di poter ricominciare la vita di prima. Ma ecco la variante Omicron che in tre settimane ha raggiunto tutti i continenti e ora sta semplicemente “divampando, in giro per il mondo”, come ha dichiarato in queste ore il guru americano delle malattie infettive, Anthony Fauci.

Così il 2021 ha chiuso i battenti con una nuova maieutica del virus che costringe l’Europa ad un ritorno dei lockdown (in Olanda), ad una considerevole recrudescenza dei contagi e delle ospedalizzazioni in terapia intensiva (in Germania e Gran Bretagna), ad una rinnovata escalation nel numero dei decessi.

Negli Stati Uniti, l’indipendenza mancata dal virus si conta tra i 50 milioni di americani non ancora vaccinati, e nella diffusa resistenza al vaccino. Crescono le preoccupazioni per le capacità di ricezione degli ospedali. Omicron non scherza. Grazie alla vasta costellazione di mutazioni l’elevato grado di contagio – superiore di almeno tre volte la variante Delta, secondo gli studi – può risultare particolarmente rischioso per le popolazioni non ancora immunizzate. Come ha illustrato Fauci, la maggioranza della popolazione appare spossata dalla pandemia e dal nuovo pericolo dei contagi. Risulta positiva al virus il 40% e addirittura il 50% della popolazione in alcune zone particolarmente reticenti del paese. Intanto, soprattutto nei 12 stati del sud che si rifiutano di espandere il programma Medicaid per l’assistenza sanitaria ai gruppi sociali più vulnerabili e privi di copertura assicurativa – stiamo parlando della popolazione disoccupata e dei working poors, occupati ma con salari da fame – quasi …

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.