Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Indigniamoci!

Abbiamo chiesto ad alcuni tra i più importanti intellettuali del mondo, tra cui Stéphane Hessel, la loro opinione su Berlusconi e il berlusconismo.

Da MicroMega 2/2011 [Acquista il numero completo]

Queste le domande poste:

  1. Silvio Berlusconi è il protagonista della politica italiana da quasi un ventennio. Ritiene che lui e il suo partito rappresentino una destra sostanzialmente assimilabile a quella al potere in altri paesi europeo-occidentali (Francia, Germania, Inghilterra), oppure costituiscano una forza antidemocratica (alla Putin? Di peronismo all’occidentale? Di «fascismo» post-moderno e mediatico?) e dunque un pericolo di «contagio»?
  2. Qual è la sua opinione sulla Lega Nord, principale alleato di Berlusconi? A quali movimenti politici presenti nel resto dell’Europa si sentirebbe di paragonarla? Esiste qualcosa di simile nel suo paese? Pensa che il governo di Berlusconi sia responsabile di un accresciuto razzismo (e/o omofobia)?
  3. Che spiegazione avanzerebbe della circostanza che, nonostante gli scandali e il malgoverno, una parte significativa di cittadini italiani continui a dar credito a Berlusconi?
  4. Che idea si è fatto dell’opposizione parlamentare e della sinistra italiana? La ritiene più o meno «in crisi» che negli altri paesi europei? È in grado di liberare l’Italia da Berlusconi o ritiene che una risposta vincente possa venire solo dai movimenti civili e intellettuali, e/o dalle lotte sindacali e sociali?

Il sostegno di cui gode Berlusconi non è omogeneo, riesce a ottenerlo presso molti settori sociali diversi, e, da notevolissimo uomo dei media qual è, è riuscito a far convergere al suo seguito opinioni fra loro lontane. È dunque difficile istituire un paragone con altre forze di destra, come quelle inglese o francese. Quanto al rischio di un «putinismo», penso che il berlusconismo in un certo senso sia perfino più pericoloso, perché sta destabilizzando l’Italia, che ha invece bisogno di un governo solido e dagli orientamenti comprensibili e accettabili in Occidente, e non è certo il caso della leadership del «Cavaliere».

Il pericolo per la democrazia esiste anche altrove, ma in Italia penso che venga soprattutto dalla Lega Nord e dalle tendenze neofasciste. L’abilità di Berlusconi è stata quella di saper coalizzare forze differenti. Questa almeno la sensazione che dell’Italia ha chi la vede da fuori, dalla Francia.

Vorrei pronunciarmi con molta prudenza, perché non sono affatto uno specialista della politica italiana. In Francia ci sono persone che potrebbero parlarne con molta maggior competenza di me. Tuttavia io seguo con grande partecipazione quello che accade in tutti i paesi europei, e posso dire che la Lega Nord sembra particolarmente inquietante perché la sua posizione è molto vicina a quella dell’estrema destra in Francia e in Germania. La volontà di rifiutare al Meridione d’Italia un sostegno invece necessario, in un certo senso è già un preludio di razzismo. D’altro canto, anche tutte le forze che in Italia si oppongono ai diritti degli omosessuali portano in sé le stesse minacce delle forze omofobe di Fr…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.