Con gli occhi di Saramago

Abbiamo chiesto ad alcuni tra i più importanti intellettuali del mondo, tra cui Zygmunt Bauman, la loro opinione su Berlusconi e il berlusconismo.

Da MicroMega 2/2011 [Acquista il numero completo]

Queste le domande poste:

  1. Silvio Berlusconi è il protagonista della politica italiana da quasi un ventennio. Ritiene che lui e il suo partito rappresentino una destra sostanzialmente assimilabile a quella al potere in altri paesi europeo-occidentali (Francia, Germania, Inghilterra), oppure costituiscano una forza antidemocratica (alla Putin? Di peronismo all’occidentale? Di «fascismo» post-moderno e mediatico?) e dunque un pericolo di «contagio»?
  2. Qual è la sua opinione sulla Lega Nord, principale alleato di Berlusconi? A quali movimenti politici presenti nel resto dell’Europa si sentirebbe di paragonarla? Esiste qualcosa di simile nel suo paese? Pensa che il governo di Berlusconi sia responsabile di un accresciuto razzismo (e/o omofobia)?
  3. Che spiegazione avanzerebbe della circostanza che, nonostante gli scandali e il malgoverno, una parte significativa di cittadini italiani continui a dar credito a Berlusconi?
  4. Che idea si è fatto dell’opposizione parlamentare e della sinistra italiana? La ritiene più o meno «in crisi» che negli altri paesi europei? È in grado di liberare l’Italia da Berlusconi o ritiene che una risposta vincente possa venire solo dai movimenti civili e intellettuali, e/o dalle lotte sindacali e sociali?

Piuttosto che cercare di formulare un mio personale atto d’accusa sul «fenomeno Berlusconi», aggiungendo così qualche altra pagina alla documentazione già oltremodo voluminosa raccolta per un processo a suo carico (scarsamente probabile in un prevedibile futuro), preferisco ricordare ai lettori i giudizi del grande intellettuale portoghese José Saramago, il quale – stanco della invalidante lentezza della giustizia italiana – non se ne starebbe remissivamente ad aspettare che il tribunale della coscienza italiana fosse convocato. Saramago, purtroppo, non può rispondere di persona, così gli farò io da messaggero – mi autonomino suo portavoce… Selezionerò le mie citazioni traendole da O Caderno, sorta di diario che egli ha tenuto tra il 2008 e il 2009, pubblicato a Lisbona nel 2010 dalla Editorial Caminho.

Saramago, supremo maestro artigiano della parola, è noto per la cura certosina e la sorprendente precisione con cui sceglieva le parole. Sapeva che «il termine delinquente possiede in Italia una carica negativa assai più forte che in qualsiasi altra lingua parlata in Europa». Eppure non ha esitato a usarlo per definire Berlusconi. Il 9 giugno 2009 scrive: Berlusconi «continua a commettere delitti di variabile ma sempre dimostrata gravità. Inoltre, non solo disobbedisce alle leggi ma, peggio ancora, le fa fare a salvaguardia dei propri interessi pubblici e privati, di politico, imprenditore e accompagnatore di minori». E Saramago non esita neanche a concludere che Berlusconi «è caduto da tempo nella più totale abiezione». In una notazione scritta un mese prima, il 9 maggio 2009, lo definisce «il Catilina» dell’Italia contemporanea, avvertendo che, a differenza dell’originale antico, «Berlusconi non ha bisogno di dare l’assalto al potere, perché è già suo, ha soldi abbastanza per comprare tutti i complici c…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.