La democrazia più debole d’Europa

Lo scrittore cileno di 'Incontro d’amore in un paese in guerra' riflette su G8 e Pinochet, repressione e polizia, giustizia e immunità, Mussolini e revisionismo, e su un Berlusconi che ‘ha fatto retrocedere l’Italia al livello (…) di un paese che puzza di ridicolo, con la democrazia più debole d’Europa’.

Da MicroMega 1/2004 [Acquista il numero completo]

Luis Sepúlveda, conversazione con Massimo Calandri

Forse la sua Gabbianella, ma lui no. Luis Sepúlveda non ha mai imparato a volare, anzi. Detesta gli aerei. L’ultima volta è partito dalla città dove vive – Gijon, Asturie – e al volante del suo fuoristrada dopo un paio di giorni ha raggiunto l’Italia: una breve vacanza, qualche vecchio amico da salutare, posti e facce nuove da conoscere. Si è fermato a Genova, gli piace il mare. E un po’ in macchina, un po’ a piedi, ha voluto ripercorrere le strade della città del G8, pensandoci su: alla Zona Rossa e a Carlo Giuliani, a Berlusconi e Bush, Richelieu e Pinochet, repressione e polizia, giustizia e i giudici, Mussolini e revisionismo, televisione ed immunità.

Immunità, appunto.

«Quando ho saputo che alla fine la giustizia italiana ha reagito, togliendo l’immunità a Berlusconi, la prima cosa che ho pensato – come tanta altra gente – è stata: notizia buona, sacrosanta. Perché non era possibile, non era accettabile, non era sopportabile continuare con una situazione di tanto abuso di potere. Ma come? Uno che dovrebbe difendersi come un qualsiasi cittadino, e invece usa un potere che non gli appartiene – usa il governo, usa le leggi – per difendersi, per nascondersi. Uno così, che nel frattempo ha fatto retrocedere l’Italia al livello di un paese buffo, un paese da operetta, un paese di comici. Un paese che puzza di ridicolo, con la democrazia più debole d’Europa. Credo che se un giorno si approverà una Costituzione europea, nell’articolo 1 dovrà esserci scritto che tutti i cittadini sono uguali di fronte alla legge. L’esempio italiano è importante, per tutti noi. Perché dopo l’arrivo di Berlusconi al governo sono cominciate cose – diciamo così – molto curiose: un governante che pretende di essere così importante da ritenersi immune davanti alla legge è curioso. È pericoloso. Voglio dire: siamo tutti d’accordo che i parlamentari, i governanti, i sindaci, devono avere una sorta di prerogativa e cioè: un qualcosa che li protegga dalle accuse gratuite. Questo è ovvio. È un modo per difendere la democrazia. Ma da qui a pretendere l’immunità, che è poi quello che pretendeva Berlusconi, ce ne passa. È pericoloso, ve lo dice uno che tanti anni fa è scappato dal Cile. Da Pinochet».

Uno che di dittatura, e di giudici, suo malgrado se ne intende.

«Adesso l’ultima cosa che Berlusconi pretende è modificare la Costituzione italiana, per modificare l’opinione dei giudici. A questo punto ci siamo perfettamente calati nell’assurdo. Dopo Mussolini, mai la politica italiana ha avuto una figura tanto tragica, tanto comica e tanto assurda come quella di Berlusconi. Credo che sia una vergogna per l’Italia, una profonda vergogna che anche tutto il Vecchio Continente provò quando Berlusconi occupò la presidenza d’Europa. Un capo di governo che definisce i giudici “disturbati mentalmente”. È inaccettabile. Ma c’è un’altra cosa ancora più dura da digerire. Il problema è che in questo delirio Berlusconi non è solo: una delle prime grandi violazioni della legalità internazionale è stata realizzata dall’amministrazione Bush, nel momento in cui gli Usa hanno preteso che i loro cittadini, militari e civili, fossero immuni rispetto alla legge che incontrano negli altri paesi. Oggi siamo …

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.