Una lettura interculturale della crisi del cristianesimo

La crisi del cristianesimo nel pensiero del filosofo cubano Raúl Fornet-Betancourt.

Si sente spesso affermare che il cristianesimo sta attraversando – da lungo tempo, ormai – una fase di crisi: allo scopo di circostanziare tale affermazione piuttosto generica, dobbiamo cercare di chiarire di che crisi si tratti e quali caratteristiche essa possegga. In tal senso vorrei prendere le mosse dall’analisi effettuata dal filosofo cubano Raúl Fornet-Betancourt nel suo Interculturalidad y religión[1] nel quale propone una disamina del tema che trovo estremamente acuta. Scrive:

La crisi della religione non si presenta come un qualcosa che possiamo esaminare o conoscere dall’esterno, come se fosse possibile ridurla a una crisi derivante dalla mancanza di riconoscimento pubblico in seno a una determinata società […] Al contrario, a prescindere dal fatto che ne siamo coscienti o meno, si tratta di una crisi che ci coinvolge e che, pertanto, possiamo conoscere solamente dall’interno, poiché essa riguarda, almeno in parte, le condizioni di possibilità della “costellazione storica” alla quale ricorriamo al fine di ottenere riferimenti fondamentali in ordine alla domanda di senso […] La nostra stessa domanda sulla crisi della religione appartiene a questa stessa crisi: è essa stessa confessione di una crisi in atto.[2]

Una crisi, dunque, pervasiva, che investe e attraversa la nostra interiorità, entro cui trovano spazio la domanda e il disorientamento che essa, al contempo, denuncia e provoca. Crisi che non è possibile ignorare, se non al prezzo di un suo esasperarsi come conseguenza del fatto di non volerne approfondire le cause e chiarirne, sin dove risulti possibile, la fisionomia. La stessa inquietudine da cui la domanda sulla crisi sfocia e si propaga sta lì a testimonianza di un’incertezza che ci abita ancor più e ancor prima di quanto noi non la abitiamo e che ingenera turbamento e smarrimento.

Qual è, però, il contesto nel quale tale crisi si manifesta e si riverbera? Quale il luogo in cui essa si fa sentire con maggiore intensità? Anche a questo interrogativo Fornet-Betancourt risponde mediante un’analisi approfondita, che individua nella crisi attuale una caratteristica contestuale, dacché si tratta, con ogni evidenza, di una crisi che investe la tradizione cristiana dell’Occidente europeo:

Le crisi…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.