“Dio non verrà a salvarci”: intervista ad Alex Zanotelli

Crisi climatica, Sud Italia, individualismo vs partecipazione attiva. In questa settima intervista della serie “La politica che (non) c’è” abbiamo incontrato il missionario Alex Zanotelli.

Raggiungiamo al telefono Alex Zanotelli. «Vorremmo fare una chiacchierata per la serie di interviste che stiamo pubblicando su MicroMega+ dal titolo La politica che (non) c’è». Il nostro obiettivo è prendere un appuntamento per un lungo confronto. Fosse per lui, potrebbe iniziare immediatamente, partendo proprio dal titolo di questa serie: “La politica che (non) c’è”. Ed è da qui che, la settimana successiva, iniziamo. «La politica», è il suo esordio, «è la massima espressione della carità: significa lavorare per il bene comune».

Tutti parlano di crisi della politica. Lei è d’accordo?
Guardandomi attorno a livello mondiale, vedo una crisi della politica con la p minuscola: l’unica considerazione che mi viene da fare – poi preferirei parlare di altro, della Politica con la p maiuscola – è che gli Stati, i parlamenti, i governi semplicemente possono decidere ben poco. Gli apparati politici sono tenuti sotto scacco dalle banche, dalla finanza, dall’economia: il potere risiede qui. Sinceramente, da questa politica – dalla politica che si fa “in alto” – non mi aspetto niente.

Quindi dovremmo parlare di crisi delle istituzioni e non di crisi della politica.
Di politica vera ce n’è tanta, quella che nasce dal basso e che papa Francesco ha perfettamente descritto, nei tre discorsi fatti ai movimenti popolari mondiali. Ma mettersi insieme oggi, è cosa tutt’altro che facile perché il virus dell’individualismo ha ormai contagiato tutto e tutti. Oggi abbiamo bisogno di singoli cittadini e gruppi, comitati e associazioni, volti a formare grandi movimenti popolari in grado di mettere in discussione i governi. E l’unico obiettivo di questi movimenti deve essere la difesa del bene comune.

Si può fare?
Non solo si può, ma si deve fare.

Come? Soprattutto, come si può sconfiggere l’individualismo?
Oggi la mia lotta è qu…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.