I nostri antenati lavoravano di meno e avevano una vita migliore. Cosa stiamo sbagliando?

In un'epoca di indicibile prosperità e crisi esistenziale, è tempo di ripensare il lavoro.

Prima di finire questo articolo ero stressato. Era la fine delle vacanze invernali, ma ho comunque deciso di accettare un lavoro da freelance. Avrei potuto scegliere di sdraiarmi su una spiaggia vicino al fiordo di Oslo, andare al cinema o semplicemente sedermi accanto alle piante di pomodoro sul mio balcone. Invece, ho accettato un incarico che ha richiesto molte ore di lavoro. Lo stress che ho sentito mentre si avvicinava la scadenza ha creato una sensazione familiare nel mio stomaco. Ho dormito meno, sono diventato più impaziente e meno presente con gli altri. Fuori splendeva il sole, sul mio conto in banca c’erano abbastanza soldi, ma comunque ero lì, a lavorare alla luce di un computer.

Come la maggior parte delle persone, provo una certa curiosità verso questa attività che chiamiamo “lavoro”. Quando non dormo, non faccio la doccia, non cucino o mangio, passo la maggior parte del mio tempo a lavorare. Mi piace avere ore libere, ma non troppe. In carcere, i prigionieri che vengono messi in isolamento chiedono di uscire per lavorare. Preferiscono fare il bucato e pulire i pavimenti con rapinatori e assassini piuttosto che girarsi i pollici.

La maggior parte dei vincitori della lotteria non smette di lavorare quando diventa ricca. Secondo uno studio pubblicato sulla Harvard Business Review, più soldi fanno le persone, più lavorano. Negli Stati Uniti, il 62% delle persone con i redditi più alti lavora più di 50 ore a settimana. Oltre un terzo di loro lavora più di 60 ore e uno su dieci lavora 80 ore a settimana. Nel frattempo, i loro lussuosi giardini e le loro piscine sono vuoti e le loro auto di lusso raccolgono polvere nei garage.

Pigrizia evolutiva

È nella nostra natura voler lavorare il più possibile? Forse l’evoluzione ci ha fatto apprezzare automaticamente coloro che lavorano sodo e disprezzare coloro che se la prendono comoda. Forse siamo predisposti a essere diligenti.

In un

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.