MicroMega+, la presentazione del numero del 4 marzo 2022

Con contributi di Valerio Nicolosi, Maurizio Franco, Francesco Suman, Francesco Abbate, Blandine Chelini-Pont, Raffaele Aragona.

Redazione

Come promesso, il numero di MicroMega+ di questa settimana si apre con il reportage da Kiev di Valerio Nicolosi (“Così Kiev è precipitata nel buio della guerra”) che racconta il primo giorno di guerra. Il racconto di un giorno che finirà nei libri di storia. Il 24 febbraio 2022.

All’invasione dell’Ucraina è dedicato anche l’approfondimento di Maurizio Franco, focalizzato sulle proteste contro la guerra della società civile russa, tra speranze e repressione: “Het Boйhe! Il no dei russi alla guerra”.

La questione della dipendenza dell’Unione Europea e dell’Italia dal gas russo è al centro dell’articolo di Francesco Suman (“La guerra in Ucraina, l’emancipazione dal gas russo e la transizione energetica”) che sottolinea come rinunciare al gas, non solo a quello russo, sembri un passo che l’Italia non è ancora disposta a fare, anche se le occasioni per una svolta energetica non mancherebbero in un Paese come il nostro, che scarseggia di riserve di gas e petrolio, ma abbonda di illuminazione solare.

Alla questione energetica è dedicata anche la riflessione di Francesco Abbate (“Perché la fusione nucleare non ci salverà”) che, alla luce degli annunciati progressi nella ricerca in materia di produzione di energia elettrica tramite fusione nucleare, si interroga circa la plausibilità dell’avvento di una nuova era in cui l’energia sarà ampiamente disponibile e il pianeta salvo.

Populismo cristiano: un fenomeno transatlantico?” è il titolo dell’articolo di Blandine Chelini-Pont che analizza la politicizzazione del cristianesimo, mettendo in evidenza le caratteristiche delle sue diverse varianti: in Europa occidentale si gioca sull’atteggiamento verso i musulmani ma anche verso la famiglia cristiana; nell’Europa orientale associa il rifiuto dell’islam alla critica al liberalismo; negli Stati Uniti è sfociata in un nazional-conservatorismo che vorrebbe fare emuli in Europa.

In occasione dei 40 anni dalla sua morte, avvenuta il 3 marzo 1982, ripercorriamo con Raffaele Aragona (“Georges Perec e la lettera scomparsa”) il lavoro dello scrittore francese Georges Perec, autore di affascinanti e complesse acrobazie linguistiche.

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

MicroMega+ del 1° marzo 2024

Con contributi di: Pierfranco Pellizzetti, Igor Burdyga, Silvia Cegalin, Claudio Marradi, Martina Ucci e Fabio Armao.