Sette giorni di guerra

I primi drammatici giorni dell’invasione russa nel racconto in presa diretta di Valerio Nicolosi.

Il bunker di Andrej non è davvero un bunker, lui e la sua famiglia lo chiamano così ma in realtà è uno scantinato al piano terra, con due bagni e sedie sparse. In tutto ci saranno dieci posti «ma la notte siamo più di trenta» racconta mentre ce lo mostra. Il palazzo di Andrej è nella periferia a nord ovest di Kiev, ha 11 piani e diverse scale: tipica edilizia popolare dell’est, edificato a metà degli anni Ottanta, quando uno scantinato poteva essere progettato come un bunker in caso di attacco della Nato. La strada, un’ora dopo la fine del coprifuoco imposto all’esercito ucraino, è deserta.

Andrej ha 20 anni, studia per diventare informatico e dell’Unione Sovietica sa poco o niente. Fino all’inizio dell’assedio di Kiev, per Andrej il “bunker” era il luogo dove giocava da piccolo con i suoi amici, un posto buio e umido dove fantasticare di invasioni aliene e guerre intergalattiche.

«Invece la guerra ce la fanno i nostri cugini, i nostri fratelli. Io ho parenti in Russia, parlo il russo e non ho mai avuto nulla contro la Russia» ci racconta nella penombra di una nicchia del bunker, dove ha passato l’ultima notte. «Ma sono contro Putin, questo sì» aggiunge in uno scatto di rabbia. L’odio di Andrej per il presidente russo non nasce oggi, viene da un modello di società diverso da quello che Putin ha imposto in Russia da anni, senza diritti e con l’economia in mano a pochi. I giovani di Kiev sono abituati a una città aperta e internazionale, dove si possono incontrare studenti provenienti da altri Paesi e dove il modello da seguire per i diritti è quello europeo. «Con la rivoluzione del 2014 abbiamo deciso di riprenderci il futuro, ci siamo riusciti solo in parte perché qui il nazionalismo è un problema» chiosa mentre accosta la porta del bunker e torniamo in strada.

***

Il nazionalismo ucraino, molto esaltato in questi giorni di guerra, è uno dei grandi temi non affronta…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.