Bosnia e Ucraina: possiamo imparare qualcosa da Sarajevo?

La guerra di Vladimir Putin contro l'Ucraina dovrebbe indurre l'Occidente a prestare maggiore attenzione ai giochi politici divisivi e distruttivi messi in atto dai leader nazionalisti nella Bosnia ed Erzegovina contemporanea.

In una manifestazione, la scorsa settimana a Sarajevo, contro la guerra di Putin in Ucraina, uno striscione recitava: «Impara da Sarajevo – Salva Kiev!». Negli stessi giorni, un mio amico bosniaco scriveva su Facebook: «Amici in Ucraina, non aspettatevi sostegno internazionale. Credetemi, lo so per esperienza personale».

Striscione e post mostrano due diversi modi di collegare la guerra del 1992-1995 in Bosnia ed Erzegovina e l’attuale guerra in Ucraina: uno esprime la speranza che l’Occidente non commetta gli stessi errori di allora e sostenga risolutamente l’Ucraina; l’altro mette in guardia contro ogni illusione e dà per scontato che l’Occidente non farà nulla.

Ciò solleva inevitabilmente la questione se l’attuale guerra in Ucraina e la guerra in Bosnia ed Erzegovina presentino dei parallelismi e se ci siano delle “lezioni” che possono essere tratte l’una dall’altra. Naturalmente, ogni situazione è specifica, i confronti storici sono sempre complicati e il paradigma delle “lezioni (non) apprese” abusato.

Tuttavia, potrebbe essere utile analizzare cosa hanno in comune e cosa no, e se si possono trarre alcune conclusioni da questo confronto.

Ci sono sicuramente delle somiglianze nelle politiche di Vladimir Putin nei confronti dell’Ucraina da un lato, e di Slobodan Milošević e Franjo Tuđman nei confronti della Bosnia ed Erzegovina dall’altro: lo Stato limitrofo attaccato viene definito artificiale e viene quindi negato il suo diritto di esistere; viene inventato un “genocidio” dei propri connazionali che deve essere fermato o prevenuto; una guerra di aggressione viene presentata come una guerra difensiva e i “parenti” etnici del Paese vicino sono usati per affermare brutalmente le proprie pretese di potere e territorio. L’obiettivo finale è l’espansione territoriale.

Somiglianze si possono vedere anche nell’atteggiamento dei Paesi attaccati: la forte volontà di molti bosniaci e ucraini di resistere, di difendere la propria indipendenza e integrità territoriale, così come il modo in cui si rivolgono al mondo esterno: «Siamo un Paese europeo, difendiamo i valori europei, e quindi dovete aiutarci».

Una somiglianza da questo punto di vista può essere rinvenuta anche nell’attuale remake del famoso poster “Wake up, Europe” creato dal gruppo di designer Trio Sarajevo in occasione della guerra in Bosnia nel 1993. A quel tempo il sottotitolo era: «Sarajevo chiama ogni uomo, donna e bambino». Nell’adattamento del 2022 si legge: «L’Ucraina chiama ogni uomo, donna e bambino».

Ma questo ci conduce anche a una differenza fondamentale tra gli anni Novanta e oggi: la reazione dell’Europa, o dell’Oc…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.