Bosnia e Ucraina: possiamo imparare qualcosa da Sarajevo?

La guerra di Vladimir Putin contro l'Ucraina dovrebbe indurre l'Occidente a prestare maggiore attenzione ai giochi politici divisivi e distruttivi messi in atto dai leader nazionalisti nella Bosnia ed Erzegovina contemporanea.

In una manifestazione, la scorsa settimana a Sarajevo, contro la guerra di Putin in Ucraina, uno striscione recitava: «Impara da Sarajevo – Salva Kiev!». Negli stessi giorni, un mio amico bosniaco scriveva su Facebook: «Amici in Ucraina, non aspettatevi sostegno internazionale. Credetemi, lo so per esperienza personale».

Striscione e post mostrano due diversi modi di collegare la guerra del 1992-1995 in Bosnia ed Erzegovina e l’attuale guerra in Ucraina: uno esprime la speranza che l’Occidente non commetta gli stessi errori di allora e sostenga risolutamente l’Ucraina; l’altro mette in guardia contro ogni illusione e dà per scontato che l’Occidente non farà nulla.

Ciò solleva inevitabilmente la questione se l’attuale guerra in Ucraina e la guerra in Bosnia ed Erzegovina presentino dei parallelismi e se ci siano delle “lezioni” che possono essere tratte l’una dall’altra. Naturalmente, ogni situazione è specifica, i confronti storici sono sempre complicati e il paradigma delle “lezioni (non) apprese” abusato.

Tuttavia, potrebbe essere utile analizzare cosa hanno in comune e cosa no, e se si possono trarre alcune conclusioni da questo confronto.

Ci sono sicuramente delle somiglianze nelle politiche di Vladimir Putin nei confronti dell’Ucraina da un lato, e di Slobodan Milošević e Franjo Tuđman nei confronti della Bosnia ed Erzegovina dall’altro: lo Stato limitrofo attaccato viene definito artificiale e viene quindi negato il suo diritto di esistere; viene inventato un “genocidio” dei propri connazionali che deve essere fermato o prevenuto; una guerra di aggressione viene presentata come una guerra difensiva e i “parenti” etnici del Paese vicino sono usati per affermare brutalmente le proprie pretese di potere e territorio. L’obiettivo finale è l’espansione territoriale.

Somiglianze si possono vedere anche nell’atteggiamento dei Paesi attaccati: la forte volontà di molti bosniaci e ucraini di resistere, di difendere la propria indipendenza e integrità territoriale, così come il modo in cui si rivolgono al mondo esterno: «Siamo un Paese europeo, difendiamo i valori europei, e quindi dovete aiutarci».

Una somiglianza da questo punto di vista può essere rinvenuta anche nell’attuale remake del famoso poster “Wake up, Europe” creato dal gruppo di designer Trio Sarajevo in occasione della guerra in Bosnia nel 1993. A quel tempo il sottotitolo era: «Sarajevo chiama ogni uomo, donna e bambino». Nell’adattamento del 2022 si legge: «L’Ucraina chiama ogni uomo, donna e bambino».

Ma questo ci conduce anche a una differenza fondamentale tra gli anni Novanta e oggi: la reazione dell’Europa, o dell’Oc…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.