Gli invisibili di Roma

La guerra alle persone senza fissa dimora nella metropoli delle disuguaglianze e il lavoro di chi combatte il disagio abitativo a 360 gradi.

Un arresto cardiaco nell’ora più buia. Due corpi senza vita davanti alla stazione Termini di Roma. È la notte dell’8 marzo e le temperature hanno sfiorato la soglia critica del gelo. Ostia, 11 marzo, un altro cadavere. Il giorno dopo, un altro ancora, il quarto, è rinvenuto nei pressi dei giardini della Casa del Pellegrino nel complesso del Santuario della Madonna del Divino amore a Castel di Leva, negli abissi meridionali di Roma, oltre il recinto di cemento del Grande raccordo anulare (Gra).
La questione dei senza dimora è strutturale nella metropoli delle disuguaglianze. A chilometri di distanza dal Campidoglio o nel centro monumentale dell’urbe papalina, il freddo invernale non fa distinzione tra santi e falsi dei. Stando alla definizione della Federazione italiana organismi per le persone senza dimora (Fio.Psd), gli invisibili delle città «sono soggetti in stato di povertà materiale e immateriale, portatori di un disagio complesso, dinamico e multiforme, che non si esaurisce alla sola sfera dei bisogni primari ma che investe l’intera sfera delle necessità e delle aspettative della persona, specie sotto il profilo relazionale, emotivo e affettivo».
Un coagulo di marginalità e alienazione. L’assenza di una casa e l’estrema precarietà abitativa sono elementi capitali, lo stigma in muratura dell’emarginazione imposta a migliaia di individui. A Roma, secondo i dati forniti dall’Istat, nel 2014 erano circa 8 mila le persone senza dimora. Ovvero circa il 15% degli homeless su scala nazionale. La Caritas, in un report del 2018, ne ha contati 16 mila, includendo nelle sue stime coloro che abitano negli insediamenti informali, in edifici occupati – un centinaio di stabili lungo le arterie di Roma – o in ripieghi fatiscenti. Altri enti presentano censimenti, le cui cifre a tre zeri oscillano vorticosamente per le difficoltà del monitoraggio. Numeri che ballano, a cui il Comune non ha mai saputo mettere una toppa neppure numerica per quantificare l’entità delle sue contraddizioni. Esigenze e bisogni nel macero dell’arbitrarietà politica.

I numeri di una tragedia annunciata
L’Associazione Nonna Roma, che si occupa dei senza dimora, è estremamente consapevole delle falle istituzionali che da svariate decadi rappresentano il marchio stilistico della Capitale. «Il fenomeno si trascina da anni e non è mai stato affrontato in maniera organica e complessiva. Per questo la situazione è drammatica: gli interventi visti fino a ora sono di carattere soltanto emergenziale o stagionale e non vanno alla radice del problema», dice Alberto Campailla, attivista di Nonna Roma. Nell’ultimo report “Dalla strada alla casa” – presentato lo scorso febbraio alla Città dell’Altra Economia davanti a un parterre di amministratori locali e giornalisti – l’associazione ha ricostruito la filiera degli invisibili miscelando diversi indicatori e database sulle problematiche abitative e sociali di Roma. Con un approccio “multifattoriale”. Oltre che con un lavoro sul campo accurato e meticoloso, attraverso la rete mutualistica che da…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.