Insorgere insieme. Studenti e operai uniti nella lotta

La lotta del collettivo Gkn e l’intreccio con il movimento studentesco. Perché per spezzare il giogo della frammentarietà politica ci vuole elaborazione collettiva.

Inventare l’ignoto quando il futuro è un copione già scritto. Lo sforzo di immaginazione è titanico. Dario Salvetti, operaio della Gkn, ne è consapevole. La vertenza dei 500 lavoratori dello stabilimento di Campi Bisenzio è un’impresa titanica. «Rompere con pratiche vecchie e sviluppare convergenze, così da sparigliare le carte sul tavolo e trasformare l’esistente», dice Salvetti al telefono: la sua voce è rotta dal trambusto della fabbrica, un movimento sonoro continuo, perpetuo di corpi e metallo, che da mesi rimbomba nelle gole della provincia di Firenze. Il rumore di sottofondo è quello della rivolta. «Abbiamo fatto e continueremo a fare il necessario per rispondere alle esigenze della nostra lotta». Il necessario è inteso come categoria del titanismo: è un fatto politico che travalica gli steccati della singola rivendicazione e allarga il suo orizzonte alla globalità del conflitto.

Il tentativo del collettivo Gkn – denominazione che rievoca una tradizione consolidata e rinverdita oggi dall’entusiasmo della lotta – è tracciare delle linee che convergano in un punto indefinito della storia. Qui, dove il terreno di scontro è sempre più scivoloso e l’ineluttabilità della sconfitta è un mostro che cova cattivi pensieri, è facile perdersi, disgregare la propria dignità davanti alla possibile disfatta. La crisi del settore automotive, il processo di deindustrializzazione e le conseguenti delocalizzazioni di intere porzioni dell’apparato produttivo tricolore, sono veicoli letterali ed esperienziali per la concertazione a ribasso.
Il sindacalismo e “l’arroganza padronale”. L’arretramento legislativo e materiale sul piano delle tutele e dei diritti. Il Jobs act e la flessibilità in uscita. In molti casi, le battaglie per il lavoro sono naufragate nella schiuma della cassa integrazione e davanti ai portoni chiusi degli stabilimenti dismessi. Il terrore della coazione a ripetere la sconfitta è un trauma difficile da soffocare.

Quindi #insorgiamo per trasformare l’esistente. L’assioma «non è riferito soltanto a noi e alla nostra vertenza ma a tutti coloro che hanno orecchie sensibili», dice Salvetti. «Un processo di convergenza delle lotte, per tutti e tutte. Insieme». Come scrive il collettivo di fabbrica Gkn nel suo libro Insorgiamo. Diario collettivo di una lotta operaia (e non solo), pubblicato da Edizioni Alegre, «abbiamo visto che per insorgere era necessario convergere. E che non era possibile convergere senza insorgere». Due termini interconnessi, simbioticamente uniti nel rappresentare lo scontro che investe le galassie in fibrillazione della sanità, della formazione, del lavoro. In difesa dell’ambiente contro lo stravolgimento climatico e i suoi artefici, per una società della cura dove nessuno è lasciato solo al suo destino. Contro…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.