MicroMega+, la presentazione del numero dell’1 aprile 2022

Con contributi di: Valerio Nicolosi, Federica D’Alessio, Marco d’Eramo, Umberto Veronesi (dall’archivio), Maurizio Franco, Elettra de Salvo.

Redazione

Il numero di MicroMega+ di questa settimana si apre con il reportage di Valerio Nicolosi in presa diretta dalla stazione di Leopoli (“La stazione di Lviv”), presa d’assalto ogni mattina fin dall’alba da quanti, giunti da tutti gli angoli dell’Ucraina, sperano di riuscire a lasciare il Paese.

Alla decostruzione dell’idea di una intrinseca estraneità delle donne alla guerra – sostenuta anche da una parte del femminismo, ma in realtà funzionale alla narrazione patriarcale – è dedicata la riflessione di  Federica D’Alessio (“‘Di fronte alla paura’: le donne non sono mai state estranee alla guerra”) che sottolinea come l’indipendenza femminile e la capacità di autodifesa delle donne contraddicano in modo cogente ogni sistema politico fondato sulla necessità protettiva del patriarcato nei confronti delle donne.

Marco d’Eramo evidenzia come un’economia globalizzata si regga sull’assunto che il suo ordine sia più importante delle variabili politiche nazionali: in quest’ottica la guerra in Ucraina ha inferto una ferita (insanabile?) alla globalizzazione, ossia la perdita di fiducia nel primato della finanza sulla politica (“Sglobalizzazione”).

Esattamente 20 anni fa, il 1° aprile 2002, entrava in vigore la prima legge al mondo sull’eutanasia, approvata dal parlamento olandese l’anno precedente. In occasione di questo anniversario riproponiamo dall’archivio di MicroMega una riflessione di Umberto Veronesi (“Eutanasia, un’azione di amore e di pietas”) che spiega come il tema centrale, quando si parla di eutanasia, sia l’autodeterminazione e la libertà di scelta di ognuno: perché nessuno può decidere al posto di un altro se la vita è degna di essere vissuta o no.

All’intreccio tra la lotta del collettivo Gkn e il movimento studentesco è dedicato l’articolo di Maurizio Franco (“Insorgere insieme. Studenti e operai uniti nella lotta”): perché per spezzare il giogo della frammentarietà politica ci vuole elaborazione collettiva.

Elettra de Salvo ci presenta infine Maddalena Fingerle, autrice del romanzo Lingua madre, vincitore del Premio Italo Calvino 2020, in un’intervista a 360° su parole, lingue, linguaggi, bilinguismo, comunicazione, incomunicabilità (“Giocare con le parole”).

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

MicroMega+ del 1° marzo 2024

Con contributi di: Pierfranco Pellizzetti, Igor Burdyga, Silvia Cegalin, Claudio Marradi, Martina Ucci e Fabio Armao.