Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

L’esercito, le minoranze e il separatismo in Russia: aspetti politico-religiosi. Il caso ceceno

La frustrazione delle minoranze russe (ceceni, daghestani, ecc.) per le condizioni di inferiorità e sfruttamento in cui versano – alto è il tributo di vittime che stanno pagando nella guerra in Ucraina – potrebbe indurle a riaprire il fronte interno del separatismo.

Nell’articolo “Le madri dei soldati (La Stampa, 10/03/2022) Anna Zafesova notava che tra le perdite russe nell’invasione dell’Ucraina ricorressero soprattutto nomi non slavi. Il numero di vittime tra gli appartenenti alle minoranze appariva proporzionalmente ben più elevato rispetto alla loro incidenza demografica nella Federazione. Ceceni, daghestani, calmucchi, circassi, ma anche careliani, tatari, buriati, evenki e yakuti pagherebbero mediamente al conflitto un tributo più alto rispetto ai russi etnici. Queste proporzioni rimangono a oggi inalterate.

Specularmente, il Cremlino cerca di attrarre reclute tra le file delle minoranze russe disseminate nelle altre repubbliche ex sovietiche, specie in quelle dell’Asia centrale, con la promessa di facilitare le procedure per l’ottenimento della cittadinanza. Molti sono appena maggiorenni, e alcuni sono addirittura soldati di leva, come lo stesso stato maggiore è stato costretto ad ammettere dopo averlo ripetutamente negato. Zafesova osservava che si impiegano questi soldati provenienti da regioni remote e, spesso, povere per distogliere il più possibile l’attenzione popolare dai costi umani dell’operazione. Costi che mal si concilierebbero con la retorica trionfalista che gronda da tutti i media ufficiali, anche se si sta iniziando a riconoscere che “l’immancabile vittoria” richieda tempo.

Una guerra che non può essere chiamata guerra

L’“operazione militare speciale” viene descritta come un tempo supplementare della Grande Guerra Patriottica (1941-1945) contro il nazifascismo. L’argomento ha facile presa in un Paese in cui è ancora venerata la memoria dei venti milioni di russi – sui quasi trenta totali dell’Unione Sovietica –

caduti nella liberazione della propria nazione e di mezza Europa dal Terzo Reich. Per ora, più di otto russi su dieci sarebbero favorevoli all’“operazione militare speciale”. Erano sette su dieci un mese fa. Questo almeno dicono persino le recenti (30/03/2022) rilevazioni del Centro Levada, istituto di provata autonomia, che il regime non sopprime un po’ per evitare ulteriori grane con gli occidentali, ma soprattutto per disporre di dati piuttosto attendibili.

Accanto all’indubbia abilità di Putin nel serrare le file attorno alla bandiera, viene da chiedersi se la demoscopia, per quanto accurata sul piano metodologic…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.