Le crisi aziendali minacciano uno tsunami di licenziamenti

Sono ben 69 le crisi aziendali al vaglio del Ministero dello Sviluppo economico. 80mila i lavoratori a rischio. Automotive, trasporti, siderurgia ed elettronica per la casa i settori più colpiti. Un focus sui casi di Bosch, Qf spa, ex Alcoa e Pernigotti.

Sessantanove tavoli al Ministero dello Sviluppo economico (Mise). Non è un ordine errato a un mobilificio e recapitato negli uffici di Via Molise o di via Veneto a Roma. Ma sono esattamente le crisi aziendali al vaglio dal Ministero dello Sviluppo economico. Che equivalgono a oltre 80mila lavoratori il cui futuro retributivo è messo a repentaglio. Numeri che riflettono le difficoltà che il sistema produttivo italiano vive da oltre un decennio. Con alti e bassi. E che la pandemia ha evidenziato con maggior nitore. MicroMega ne aveva già scritto: stavolta, però, lo tsunami di licenziamenti è una tempesta concreta. Nonostante il ridimensionamento del volume critico di vertenze aziendali, stando all’ultimo aggiornamento istituzionale: 55 tavoli attivi e 14 di monitoraggio.

“Il metodo introdotto al Mise in due anni di gestione delle crisi industriali e l’impegno quotidiano stanno dando i loro frutti anche se sono refrattaria ai toni trionfalistici e alle facili ricette”, ha detto la viceministra Alessandra Todde, che dal 2019 è impegnata sul fronte opposto al disfacimento produttivo del Paese. In media, come riporta l’Ansa – che ha pubblicato i dati del dicastero sul quinquennio 2012-2017 -, sono stati imbanditi 146 tavoli di crisi ogni 365 giorni, per 143mila posti di lavoro a rischio. Nel computo ministeriale, il reticolo di piccole imprese attanagliate dai morsi della recessione non c’è. Solo le entità più grandi fanno il loro ingresso negli androni ministeriali. I lavoratori interessati sono invisibili alle strategie nazionali di tutela.

L’automotive e i trasporti. La siderurgia e l’elettronica per la casa. Ad oggi, questi sono i settori più colpiti. Le sessantanove urgenze “hanno origini lontane e sono legate sia alla mancanza di competitività delle nostre produzioni di gamma non elevata e all’acquisizione dei nostri campioni nazionali da multinazionali estere” ha spiegato Luca Annibaletti, coordinatore della neonata struttura per le crisi d’impresa. La macchina è stata creata per supportare il lavoro delle istituzioni e stimolare la concertazione tra le parti. Come si legge sul sito, è un organismo che favorisce “le soluzioni di rilancio aziendale indirizzando le strategie aziendali, sperimentando strumenti innovativi per favorire azioni di reindustrializzazione e di ricollocazione dei lavoratori coinvolti”. Oltre a incoraggiare l’attrazione di investimenti nazionali ed es…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.