Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Utilità e provvidenza

L’espressione, con vent’anni di anticipo su Smith, del concetto di ‘mano invisibile’ nella regolazione dei mercati e l’inconciliabilità di Provvidenza e utilità quali fondamenti della moralità in due testi del grande filosofo inglese.

(da MicroMega 4-99 / Acquista il numero su shop.micromega.net)

Presentazione di Alessandra Attanasio

Hume, Smith e la mano invisibile

Il primo testo che presentiamo (p. 178) è un manoscritto interamente di pugno di David Hume (1711-1776), è stato ritrovato recentemente nella Henry E. Huntington Library della California tra i Pulteney Papers, una collezione acquistata da parte della Huntington Library da Maggs Brothers nel 1952. La collezione comprende quasi esclusivamente scritti di sir William Johnstone Pulteney (1720-1805), avvocato, politico, e amico di David Hume e di Adam Smith. La traduzione è tratta dalla versione finale del manoscritto che Hume intendeva dare alle stampe. Il testo fu pubblicato come Advertisement anonimo a Charles Smith, Short Essay on the Corn Trade and Corn Laws (1758), ma in forma ridotta e censurata, con la soppressione di tutte le notazioni di Hume contro la religione e i pastori di Dio. Il ritrovamento del manoscritto permette di attribuire senza alcuna incertezza l’Advertisement a Hume che, con questa difesa del laissez-faire, anticipa di quasi vent’anni la posizione sostenuta da Adam Smith nel libro IV della Ricchezza delle nazioni (1776). Ringrazio vivamente David R. Raynor (curatore della nuova edizione della corrispondenza di Hume, in corso di preparazione per la stampa) per la gentile segnalazione del testo e la sollecitazione a renderlo pubblico in Italia.

* * *

Il secondo testo (p. 180), cioè l’estratto della Teoria dei sentimenti morali di Adam Smith, è tratto da «Hume’s Abstract of Adam Smith’s Theory of Moral Sentiments», a cura di David R. Raynor, ed è stato pubblicato la prima volta in The Journal of the History of Philosophy, vol. 22, n. 1 (gennaio 1984), pp. 65-79. David R. Raynor dimostra nella sua presentazione che l’estratto anonimo della Theory of Moral Sentiments, comparso in Smollett’s Critical Rewiew nel maggio 1759, è da attribuire a Hume. Nonostante la coerenza degli argomenti addotti, rimane qualche dubbio sulla sua attribuzione a Hume per la presenza del paragrafo conclusivo: «Il secondo pregio (…) pericolosi o dannosi» (è difficile separare il filosofo dall’uomo di fede). Considerate le posizioni di Hume in materia religiosa e le numerose critiche all’amico, che hanno portato Smith ad attenuare il ruolo della religione nelle edizioni successive della Theory (ho argomentato questo punto in «Adam Smith e la “contaminazione” di David Hume», MicroMega, n. 1/1996), questo paragrafo sembrerebbe incoerente. Tuttavia, considerato lo «spirito» di Hume, questo unico passo dubbioso può ritenersi compatibile con la sua ironia. Anche perché alcune prove interne al testo sembrano essere inconfutabili, come ad esempio la corrispondenza degli argomenti e dello stile della prima pagina con l’attacco dell’Estratto di un Trattato della natura umana (1740), anch’esso pubblicato anonimo da Hume: i «giudici adeguati», i «pregiudizi dei pochi», i «sistemi» già formati al riguardo eccetera.

* * *

1. «Chi ha inventato la mano invisibile?»: è la domanda posta da David R. Raynor nella presentazione al pubblico di questo nuovo manoscritto di David Hume, datato 1758. L’importanza di tale scritto è notevole. Non solo perché, insieme all’altro manoscritto di David Hume, il «Frammento sul male» (1), è l’unico venuto alla luce in questo secolo, ma soprattutto perché anticipa di quasi vent’anni (1758) l’applicazione ai fatti economici del concetto di «mano invisibile», divenuto famoso con la Ricchezza delle nazioni (1776) di Adam Smith (1723-90) (2). Il manoscritto è una difesa del laissez-faire, del libero mercato dei prezzi, e della libera circolazione delle merci. Inizia e finisce con l’attacco sarcastico e ironico all’alleanza tra ignoranza e religione, che Hume combatté tutta la vita, e che in questo manoscritto si presenta come alleanza tra popolino ignorante e preti, contro i mercanti di grano.

Nell’autunno del 1756, il prezzo de…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.