Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

La lotta per le riparazioni non può ignorare il cambiamento climatico

La catastrofe climatica rischia di cristallizzare le ingiustizie distributive che abbiamo ereditato dalla storia. Per questo un progetto di riparazione politicamente serio deve tenere conto delle connessioni tra crisi climatica, schiavitù e colonialismo.

Negli ultimi anni la questione delle riparazioni ha visto una rinascita di interesse dovuta a più fattori. L’influente saggio di Ta-Nehisi Coates, “The Case for Reparations“, apparso nel 2014 su The Atlantic, ha scatenato una tempesta di reazioni in tutto lo spettro politico, culminata anni dopo (nel 2019) in una “storica” audizione al Congresso. Sulla scia dell’omicidio di George Floyd e delle ribellioni del 2020, task force di programmi di riparazione sono state lanciate nella città di Detroit e nello Stato della California mentre un programma di pagamento degli alloggi è stato lanciato a Evanston. L’anno scorso, infine, la risoluzione 40 della Camera (presentata ogni anno al Congresso da quando John Conyers Jr. lo fece per la prima volta nel 1989, chiedendo una commissione per studiare i risarcimenti per la schiavitù), ha finalmente passato l’esame della Commissione Giustizia per essere sottoposta all’aula.

Ma in cosa consiste esattamente la richiesta di riparazioni e che tipo di movimento politico comporta? L’etichetta è stata applicata a una vasta gamma di programmi e politiche, dai pagamenti diretti in contanti agli afroamericani alle scuse simboliche, dalla creazione di musei e siti di riconoscimento spirituale agli studi accademici sulla natura del razzismo sistemico. In un saggio del 2016, il politologo Adolph Reed Jr. ha preso di mira questa caratteristica della richiesta di riparazioni, descrivendola come una miscela di «componenti materiali, simboliche e psicologiche». Reed pensa che questa ambiguità sia un peso, dal momento che le élite possono scegliere la versione delle riparazioni più economica per loro: quella simbolica. Ancora più importante, sostiene Reed, un investimento eccessivo in riparazioni simboliche potrebbe sottrarre energia e risorse a un progetto politico alternativo e preferibile: «Costruire un’ampia solidarietà tra razza, genere e altre identità attorno a preoccupazioni condivise della vita quotidiana» come «l’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità, il diritto a un sostentamento dignitoso, alloggi a prezzi accessibili, istruzione di qualità per tutti». Reed avverte quindi che la richiesta di risarcimento per alcuni distrae da un progetto politico più degno che fornirebbe giustizia a tutti, un’obiezione espressa anche durante l’udienza alla Camera del 2019.

Ma cosa accadrebbe se il progetto di riparazione fosse il progetto per «quartieri più sicuri e scuole migliori», per un «sistema giudiziario meno punitivo», per «il diritto a un sostentamento dignitoso»? Rispondendo a Reed su Dissent nel 2019, l’esperta di studi afroamericani Keeanga-Yamahtta Taylor ha sottolineato che la lotta per costruire un sistema sociale giusto non può essere vinta solo attraverso programmi “universali” che affrontano problemi comuni. Taylor fornisce l’esempio della grande disparità nella mortalità materna tra donne nere e donne bianche: la storia di trattamenti e politiche discriminatorie mostra che non tutti i problemi sociali rilevanti sono, di fatto, comuni a entrambe. Per costruire un sistema sanitario giusto, dovremmo affrontare sia la mancanza di accesso dovuta a strutture economiche ingiuste, sia la mancanza di accesso dovuta a ingiuste discriminazioni di genere e di razza. Dal …

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.