Cosa significa la guerra tra Russia e Ucraina per il territorio conteso del Nagorno-Karabakh

Migliaia di russi sono fuggiti nella capitale armena di Yerevan. Ma per il Caucaso la guerra ha implicazioni molto più grandi della migrazione. Dopo il conflitto devastante del 2020 con l’Azerbaigian, l’Armenia cerca di mantenere il controllo dei propri confini e del proprio futuro.

«Non c’è niente di peggio di un russo che si sente a casa nel Caucaso», scherza una cameriera in un bar del centro della capitale armena Yerevan, arrabbiata perché un nuovo afflusso di clienti russi si aspetta che parli correntemente la lingua.

Dalla fine di febbraio a migliaia sono arrivati ​​in Armenia, un Paese di 2,5 milioni di abitanti. Camminano in silenzio nel centro di Yerevan, spesso con i passeggini, la testa china sui telefonini controllando le mappe per orientarsi, evitando chiacchiere con i residenti locali. Si siedono silenziosi nei ristoranti del centro, creando lavoro per il personale turistico che è stato in gran parte inattivo da quando il Covid e la guerra hanno colpito il Paese. La maggior parte dei nuovi clienti ha lasciato la Russia durante la notte temendo che il governo avrebbe introdotto la legge marziale e chiuso le frontiere sulla scia dell’invasione dell’Ucraina.

Oltre all’improvviso afflusso di russi, la guerra sta comportando alcune scelte difficili per l’Armenia, che cerca di mantenere il controllo dei propri confini – e del proprio futuro – dopo la devastante guerra del 2020 con l’Azerbaigian sul territorio conteso del Nagorno-Karabakh.

Quella guerra non solo ha ridisegnato gli equilibri di potere nel Nagorno-Karabakh, con le forze azere che hanno preso posizione in profondità nel territorio, ma ha anche conferito alla Russia un ruolo diretto di peacekeeping, con le truppe russe di stanza nel territorio, rafforzandone significativamente il ruolo nella sicurezza dell’Armenia.

«Se la Russia perderà la guerra in Ucraina, l’Armenia avrà problemi di sicurezza ai suoi confini con l’Azerbaigian», dice Tigrane Yégavian, ricercatore presso il Centro di ricerca francese sull’intelligence, un think tank. «Se vincerà, la sovranità dell’Armenia sarà in questione. La Russia sta già attuando una sorta di protettorato sul Paese, ma potrebbe creare una regione autonoma [in Armenia] come con la Bielorussia. È un’annessione non dichiarata», sostiene Yégavian.

Lezioni apprese dalla guerra del Karabakh

Per anni, la Russia, che ha truppe militari di stanza in Armenia, è stata vista come la principale garante della sicurezza del Paese contro Azerbaigian e Turchia.

Quel rapporto è stato però messo a dura prova dalla guerra del Nagorno-Karabakh del 2020, quando (in 44 giorni, tra settembre e novembre) le forze azere, sostenute dalla Turchia, hanno fatto notevoli progressi all’interno del territorio conteso.

Un cessate il fuoco mediato da M…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.