Cohn-Bendit: “In Ucraina è in gioco il futuro dell’Europa”

Daniel Cohn-Bendit, uno dei protagonisti del Sessantotto ed ex europarlamentare dei Verdi tedeschi, in questa intervista spiega perché è giusto sostenere anche con le armi l’Ucraina. E auspica un maggiore protagonismo dell’Europa.

Daniel Cohn-Bendit, molti osservatori sono rimasti sorpresi dal convinto sostegno dei Verdi tedeschi all’invio di armi all’Ucraina per difendersi dall’aggressione di Putin. Jürgen Habermas, in un recente articolo sulla Süddeutsche Zeitung ha parlato della “conversione dei pacifisti”. Si tratta davvero di una svolta?
La svolta in realtà c’è stata negli anni Novanta, all’epoca della guerra in Bosnia. Allora i Verdi erano parte del movimento pacifista che rifiutava qualunque tipo di intervento militare. Al congresso straordinario dei Verdi del 1993, insieme a pochi altri, presentai una mozione a favore di un intervento militare per la protezione della Bosnia musulmana: ottenne solo una ventina di voti a favore, contro circa 700 contrari. Sonora bocciatura. Anche la mozione di Joschka Fischer, all’epoca ministro degli Esteri, che proponeva la cosiddetta “eccezione Auschwitz” – ossia che di fronte a un rischio di annientamento, di genocidio, allora si deve intervenire – fu bocciata. All’epoca le migliaia di caschi blu dell’Onu presenti in Bosnia potevano fare tutto tranne che difendere i bosniaci con le armi. Poi arrivò il massacro di Srebrenica e successivamente il Kosovo. E lì che, se così vogliamo dire, i Verdi persero la verginità pacifista. Per quel che riguarda l’Ucraina, ricordo che prima del 24 febbraio, nonostante gli avvertimenti degli americani, tutti, ma proprio tutti, erano assolutamente convinti che Putin non avrebbe mai attaccato. E invece il 24 febbraio Putin invade l’Ucraina, rompendo drammaticamente con i princìpi stabiliti dalla Carta delle Nazioni Unite, che in casi simili naturalmente prevedono il pieno diritto della nazione aggredita di difendersi. E se noi siamo d’accordo che si tratti di un’aggressione in assoluta violazione del diritto internazionale e che gli ucraini hanno pieno diritto a difendersi, non possiamo certo pretendere che lo facciano senza armi. Habermas chiude il suo articolo con la bella frase “l’Ucraina non può perdere”. Ma se l’Ucraina non può perdere, deve potersi difendere efficacemente. Di fronte a una situazione del genere le chiacchiere pacifiste non hanno senso.

La gran parte di coloro che è contro l’invio di armi all’Ucraina, però, non mette in discussione il diritto degli ucraini di difendersi anche con le armi. Quello che si teme è che con più armi si inneschi una escalation che può condurre fino a una Terza guerra mondiale con l’uso delle armi atomiche.
E con meno armi Putin semplicemente si prende l’Ucraina. E se dopo aver preso l’Ucraina decidesse di prendersi anche i Paesi baltici? Basta sentire le cose folli che dice riguardo alla Grande Russia: per lui l’Ucraina non esiste come Paese indipendente, è parte della Grande Russia, e questo non vale solo per l’Ucraina. Putin ha una profonda ferita narcisistica legata alla sua personale vicenda biografica. Si trovava infatti a Berlino quando le ultime truppe della Ddr lasciarono la città. Una umiliazione che lo ha profondamente segnato. E se dicesse un giorno che anche Berlino appartiene alla Russia, saremmo ancora disposti a dire “pazienza, meglio questo che una guerra mondiale”? Io capis…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.