Dal G8 di Genova alla guerra in Ucraina, Di Sisto: “Siamo sempre noi, quelli della complessità”

Intervista a Monica Di Sisto, giornalista e vicepresidente di Fairwatch, ONG di economia solidale. Al centro, due anni di pandemia e, ora, lo scenario della guerra in Ucraina. In mezzo, il ritorno di un attivismo politico che non si vedeva da tempo.

La nona intervista della serie “La politica che (non) c’è” è a Monica Di Sisto, giornalista, vicepresidente di Fairwatch, ONG italiana di economia solidale. Al centro, due anni di pandemia e, ora, lo scenario della guerra in Ucraina. In mezzo, il ritorno di un attivismo politico che non si vedeva da tempo. Forse addirittura dai tempi di Genova. Ed è proprio da qui che parte la nostra chiacchierata. Perché dal post G8 del 2001” è emersa quella disconnessione sentimentale tra la politica istituzionale e la politica diffusa. Era nella rappresentanza che il lavoro delle associazioni, dei movimenti e della società civile poteva trovare un terminale”.

Due anni di pandemia e ora il conflitto in Ucraina. Guardando alla situazione politica italiana, sembra di essere tornati indietro di più di venti anni. C’è un fermento, una mobilitazione, in qualche modo una sorta di coordinamento che riporta alla mente il pre-Genova 2001.
I movimenti, Don Gallo, Don Ciotti, l’Arci, Legambiente, i sindacati. Genova era questa cosa qui. Già due decenni fa avevamo delineato quale sarebbe stata la traiettoria della globalizzazione. Una traiettoria che definirei scomoda in primis per la politica istituzionale. Già allora parlavamo di finanziarizzazione della politica, di disconnessione dell’economia dall’economia reale, di accentramento decisionale in sedi non istituzionali, di restrizione del campo democratico. Tutti fenomeni che nei venti anni successivi si sono non solo materializzati, ma mostrati con una forza addirittura inaspettata. In quel momento la politica della rappresentanza si è distaccata dal nostro mondo. Ma direi anche che il nostro mondo non si è mai liquefatto come invece è accaduto ai partiti. Ci siamo forse un po’ “persi”. Ma direi anche che oggi siamo di nuovo qui. Con al nostro fianco molte forze in più, a partire dai giovani che lottano contro il cambiamento climatico.

Cosa è successo in questi venti anni?
Dopo Genova avevamo capito che avremmo dovuto continuare da soli. E soli siamo stati. Così ci siamo inventati di tutto. Abbiamo lavorato da lobbisti, portato avanti battaglie importanti – penso a quella sull’acqua pubblica –, contrastato trattati dai nomi difficili, prodotto dossier sulla crisi climatica e ambientale. Abbiamo, in poche parole, fatto il lavoro che avrebbe dovuto fare la politica. Dall’altra parte, invece, si è palesata una vera e propria scollatura – una disconnessione sentimentale – tra la politica della rappresentanza e il nostro mondo.

Perché?
Perché è mancato il coraggio di affrontare le nuove sfide della globalizzazione. E allora si è preferito lavorare alle riforme elettorali, a portare avanti una politica dei prescelti. Si è preferito bloccare le liste elettorali per garantirsi un posto da parlamentare.

E le due strade non si sono più incontrate.
I nostri genitori parl…

A Hebron è in vigore l’oppressione permanente dei palestinesi

Dalle punizioni collettive alle tecniche di sorveglianza e riconoscimento facciale,  passando per le “sterilizzazioni” delle strade dalla presenza palestinese come le chiamano i soldati, ogni “misura temporanea di sicurezza” che istituzioni e coloni israeliani testano su Hebron diventa poi uno strumento d’oppressione permanente imposto sull’intera Cisgiordania. Per usare le parole di Issa Amro, leader della resistenza non violenta nella regione, Hebron è il “laboratorio dell’occupazione”.

“Israelism”, la rivolta dei giovani ebrei negli USA contro l’indottrinamento sionista

Il film di Sam Eilertsen ed Erin Axelman “Israelism”, proiettato recentemente in Italia, racconta il processo di presa di coscienza di una intera generazione di ebrei americani cresciuti fin da bambini in un ambiente di ferreo indottrinamento al culto di Israele e alla propaganda sionista. Finché molti di loro, confrontandosi con la realtà dei palestinesi attraverso viaggi sul posto o nei campus universitari, non capiscono di essere stati spinti ad annullare la loro ebraicità nella fede cieca in un progetto etnonazionalista.

Basta con le Identity politics: non conta se sei oppresso ma se combatti l’oppressione

Nella sinistra postmoderna il discorso sull’oppressione tende a ridursi al punto di vista della vittima. Gli oppressi vengono collocati all’interno di un gruppo indifferenziato la cui unica cifra è l’oppressione stessa. Questo atteggiamento porta ai giudizi ad hominem, poiché non contano tanto le idee ma la posizione in cui si colloca chi le esprime: se non sei un oppresso, non puoi parlare di emancipazione. Se sei un “vecchio uomo bianco”, tenderai sempre e solo a voler mantenere i tuoi privilegi. Le discussioni su chi ha il diritto di parola dovrebbero però lasciare il posto alle discussioni su che cosa ha da dire.