Michnik: “Putin? Un criminale psicopatico. Per la Russia finirà male”

“La guerra in Ucraina Putin l’ha già persa. Ha sottovalutato l’esercito ucraino e non ha previsto le reazioni dell’Occidente”. Parla Adam Michnik, storico e giornalista polacco protagonista della stagione del dissenso contro il regime comunista.

Dobbiamo iniziare dall’intervista di inizio febbraio (pubblicata su MicroMega 2.2022), abbiamo parlato tre settimane prima dell’invasione. Sostenevi in maniera molto convincente che non ci sarebbe stata…
A quanto pare la vita trasgredisce persino al più logico dei pensieri.

Cosa ti spingeva a crederlo?
Mi affidavo al senso comune. Come sai, ho incontrato un paio di volte Vladimir Vladimirovič Putin e all’inizio mi fece un’impressione in linea di massima positiva. Concreto, lontano da una certa neolingua, dalla retorica sovietica. Rispondeva alle domande. Ovviamente non si trattava di un liberale, ma ritenevo fosse un uomo che voleva continuare, riformandola, la politica di Boris El’cin, e El’cin fu colui che di fatto annientò il bolscevismo come forza dominante in Russia, come progetto politico. Riguardo al bolscevismo Putin si è spinto oltre rispetto a El’cin, perché nel discorso che preannunciava la guerra ha messo in discussione il ruolo di Lenin. Ha rinnegato Lenin in nome di Stalin, perché Lenin a suo parere fu il distruttore della potenza russa, mentre Stalin ne fu il costruttore.

Ma il tuo parere su di lui è cambiato?
Questo è quello che pensavo all’inizio. Ma anni dopo, nel 2010, durante una conferenza del Valdai Club, gli domandai sfacciatamente di Michail Chodorkovskij[1] [a quel tempo in carcere] e si infuriò. Allora ebbi l’impressione di avere a che fare con un delinquente. Ma continuavo a ritenere che fosse un criminale capace di fare i propri calcoli. Non come Hitler, che impazzì, ma in un certo senso come Stalin, che era in grado di trattenersi. Stalin era famelico come un lupo, ma sapeva battere in ritirata. Dalla Finlandia si ritirò, non la conquistò, con Berlino scese a patti, il muro venne eretto solo ai tempi di Nikita Chruščëv, e infine l’Austria, non se la arraffò per intero ma accettò le sfere d’influenza. Da questo punto di vista, ciò che ha fatto Putin bombardando Kyïv mi ha convinto che non si tratta di un criminale calcolatore, ma di un criminale psicopatico.

Il fatto che Kyïv sia stata bombardata ti ha sorpreso?
Putin si è totalmente smarrito. Non si è avverata nessuna delle sue diagnosi. In primo luogo, inizialmente ha creduto che avrebbe conquistato l’Ucraina in tre giorni, così come si era preso la Crimea. Era profondamente convinto che sarebbe stato accolto con entusiasmo dalla quinta colonna, perché come molti russi credeva fermamente che Kyïv fosse Russia.
Suonano come sinistre le dicerie riguardanti una sua conversazione risalente a tanto tempo fa con Donald Tusk [uomo politico polacco], in cui Putin avrebbe detto in tono scherzoso “noi ci prendiamo Kyïv, il Donbas, Charkiv, Odesa, e voi vi prendete quello che un tempo vi apparteneva: Leopoli, Drohobyč, Ivano-Frankivs’k”.
In secondo luogo, ha completamente sottovalutato con chi ha a che fare. Dal 2014 l’esercito ucraino si è parecchio ammodernato, è eccezionale nel combattimento ed è motivato, invece i suoi soldati non sanno perché si trovano lì.
Un ulteriore fallimento st…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.