La libertà di stampa fra censura e politicamente corretto

Il caporedattore di Charlie Hebdo – giornale satirico francese la cui redazione nel 2015 fu decimata dai terroristi islamici – denuncia le nuove forme di attacco alla libertà di espressione che arrivano soprattutto non più dal potere politico ma da gruppi sociali, religiosi e culturali.

Non vi parlerò subito di Charlie Hebdo. Vi parlerò prima di un altro giornale. Un giornale che oggi è considerato IL modello da seguire dalla maggior parte dei più importanti giornali progressisti europei. Il New York Times. A luglio 2019, il prestigioso e autorevole quotidiano americano ha deciso di rimuovere definitivamente le vignette politiche dalla sua edizione internazionale, come già da qualche mese succedeva per quella nazionale.

Il motivo, o meglio il pretesto: una polemica scoppiata in seguito alla pubblicazione di una vignetta di Trump e Netanyahu firmata dal fumettista portoghese Antonio Moreira Antunes e ritenuta antisemita. Un pretesto, perché con la decisione radicale che ha preso, la direzione del New York Times ha chiaramente affermato che, dal suo punto di vista, il problema non era l’antisemitismo, ma le vignette. Il New York Times non vuole più problemi. E le vignette, le caricature, la satira, poiché raramente fanno ridere i leader politici e i personaggi pubblici che attaccano e poiché innescano reazioni sempre più esplosive all’interno di gruppi che si autoproclamano difensori esclusivi di una causa o di una comunità, sono fonte di problemi.

Dire che questa è una grande sorpresa sarebbe un’esagerazione. Il New York Times non ha deciso da un giorno all’altro di diventare un distributore di banalità inoffensive la cui principale ossessione non è tanto informare i propri lettori e aiutarli a capire l’attualità, quanto piuttosto non dare fastidio a nessuno. Già nel 2006 si era rifiutato di pubblicare – come la maggior parte dei suoi omologhi – le caricature di Maometto di Jylland Posten. A gennaio 2015 lo stesso fece con la copertina di Charlie Hebdo post-attentato, intitolata “Tutto è perdonato”, sempre in nome di un grande giornalismo “responsabile” ansioso di non offendere nessuno. In passato, uno dei vanti della stampa era di scatenare le passioni. Oggi, la sua più grande ambizione è soprattutto non fare scalpore.

Lasciamo per un momento gli Stati Uniti – su cui torneremo più avanti – per discutere il caso di un altro autorevole quotidiano, questa volta francese: Le Monde, che ha avuto problemi analoghi, qualche mese fa, con uno dei suoi fumettisti, Gorce. Nella newsletter del giornale, Gorce ha fatto ironia su un caso che in quel momento stava facendo molto rumore. Si trattava di un caso di incesto che coinvolgeva Olivier Duhamel, ex direttore della prestigiosa scuola di scienze politiche Sciences-Po di Parigi. Nella sua vignetta, Gorce ha fatto dire a uno dei suoi personaggi: “Se ho subito un abuso dal fratellastro adottivo della ragazza di mio padre transgender diventato mia madre, è incesto?”. Subito un putiferio sui social, dove la vignetta è stata accusata di disprezzare le vittime dell’incesto e, soprattutto, di essere odiosamente “transfobica”. Altrettanto immediate sono arrivate le scuse di Caroline Monnot, la nuova direttrice editoriale di Le Monde, per questa vignetta che, scrive, …

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.