La privatizzazione dell’agricoltura

I brevetti sulla genetica delle piante hanno affossato la sostenibilità del sistema agricolo globale. L’alternativa? Rompere le catene dell’oligopolio per difendere l’agrobiodiversità. Intervista a Fabio Ciconte, autore del libro “Chi possiede i frutti della terra” (Laterza).

In principio era soltanto un albero di mele, i cui frutti, stranamente gialli, erano squisiti. Talmente buoni che Lyod e Paul Stark, rampolli di una delle aziende vivaistiche più importanti degli Stati Uniti, addentata la mela prelibata, non seppero frenare l’entusiasmo: Paul fece bagagli e attraversò il Paese a stelle strisce con ogni mezzo possibile allora – era il 1914 e i voli low cost erano pura fantascienza – per giungere in una località remota nel West Virginia. Qui, sganciò 5mila dollari ad Anderson Mullins, proprietario della fattoria dove brillava in lontananza, sul fianco di una montagna, l’albero d’oro che aveva stregato la famiglia Stark. E il tenutario accettò l’offerta senza tentennamenti.
Paul, per garantirsi la proprietà assoluta della pianta, decise di rinchiuderla in una gabbia metallica. Nessuno, così, avrebbe potuto strappare un ramoscello e “clonare” il succoso frutto per trarne profitto.

Questo non è l’incipit di una serie tv o di una fiaba per bambini. “Quella mela in gabbia rappresenta nient’altro che l’inizio, il punto nodale su cui negli anni si è sviluppata la legislazione sulla proprietà intellettuale delle piante, il brevetto sui vegetali, l’idea cioè che quel ritrovato agronomico, benché frutto di una selezione naturale, anzi frutto della casualità, diventi di proprietà esclusiva di chi l’ha acquistato”.

Queste poche righe sono il capitolo iniziale di una storia vera, raccontata per filo e per segno da Fabio Ciconte, scrittore e saggista, direttore dell’associazione ambientalista Terra!, nella sua ultima fatica giornalistico-letteraria pubblicata da edizioni Laterza. “Chi possiede i frutti della terra” è un saggio narrativo su come il capitalismo abbia affossato la sostenibilità del sistema agricolo globale. Come le logiche del profitto abbiano trasformato, decennio dopo decennio, la naturale effervescenza delle campagne in una monumentale macchina da prodotti standardizzati. Accaparramento e privatizzazione della genetica delle piante: una storia che arriva fino ai giorni nostri, i cui effetti – assicura l’autore – avranno forti ripercussioni negli anni a venire.

In seguito, quindi, come scrive l’autore, le sbarre metalliche attorno alla pianta miracolosa adocchiata dagli Stark, divennero paradossalmente il grimaldello per l’industrializzazione delle filiere agroalimentari. “Se vi state chiedendo che fine abbia fatto la mela in gabbia la risposta è semplice: è la capostipite della Golden Delicious, ancora oggi tra le mele più vendute al mondo”. Lo stesso melo, replicato all’infinito per oltre un secolo.

Nel 1930, avviene la trasmutazione dei lucchetti: la prigione nel West Virginia si condensò in un atto legislativo. Il Plant Patent Act, votato dal Congresso degli Stati Uniti, “è un semplice emendamento che va a modificare la legge sui brevetti già approvata oltre cento anni prima e che cambierà la storia dell’agricoltura”, scrive Ciconte. Il primo passo verso lo scenario distopico che quotidianamente viviamo. Nel corso del tempo, genetisti, biologi, agronomi e scienziati si intestarono la paternità di innumerevoli varietà, create “artificia…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.