Il WWF, la difesa del pianeta e il nuovo protagonismo giovanile

Con Alessandra Prampolini – direttrice generale del WWF Italia – discutiamo del fermento politico emerso “dal basso” grazie ai nuovi movimenti per l’ambiente e alla mobilitazione giovanile per analizzare come le realtà del terzo settore hanno intercettato le diverse istanze.

La dodicesima intervista della serie “La politica che (non) c’è“ è ad Alessandra Prampolini, direttrice generale del WWF Italia. In questo confronto si parte dal fermento politico emerso “dal basso” grazie ai nuovi movimenti per l’ambiente e alla mobilitazione giovanile per analizzare come le grandi organizzazioni hanno intercettato le diverse istanze. Al centro, la nascita – di fatto – di un nuovo corpo intermedio.

Il WWF e le tante istanze che hanno mobilitato migliaia di giovani intorno al tema ambientale. Partiamo da qui.
Questo è un tema per noi interessantissimo. Personalmente ritengo che la pandemia abbia fatto da acceleratore a un fenomeno iniziato anni prima, a partire dalle prime mobilitazioni su scala globale iniziate con la nascita dei Fridays for future. Parliamo di un movimento di giovanissimi che hanno come obiettivo la difesa del pianeta. Si tratta di un movimento, però, che arriva da lontano, da decenni di attivismo e sensibilizzazione sul tema ambientale a cui siamo fieri di aver contribuito. A nostro avviso questa mobilitazione globale è stata un successo proprio perché nessuno può intitolarsela in toto. Finalmente il pianeta, la salute, le persone non sono più scollegate. È finalmente finita l’era delle singole vertenze.

Immagino che questa nuova mobilitazione globale abbia, in qualche modo, cambiato anche il WWF.

La risposta è nel WWF Young: i ragazzi ci hanno “imposto” una “struttura meno strutturata”. Questo è accaduto però prima dell’avvento del movimento Fridays for future. Avevamo già intuito la necessità di dare ai giovanissimi spazi di movimento non irregimentati nelle classiche liturgie tipiche, ad esempio, dei partiti. L’esplosione del movimento ambientalista giovanile ci ha però costretti – lo dico con soddisfazione – a grandi ragionamenti sullo scenario politico e sulle conseguenti battaglie da portare avanti.

Quali sono le cause di questi cambiamenti?

Principalmente due. La prima: la fase in cui viviamo, contraddistinta da una frattura apparentemente insanabile tra la politica istituzionale e i movimenti. Assistiamo, ormai da tempo, a partiti intenti a rincorrere i giovani senza riuscire in alcun modo a intercettare le loro istanze. Ecco, questo …

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.