Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Il WWF, la difesa del pianeta e il nuovo protagonismo giovanile

Con Alessandra Prampolini – direttrice generale del WWF Italia – discutiamo del fermento politico emerso “dal basso” grazie ai nuovi movimenti per l’ambiente e alla mobilitazione giovanile per analizzare come le realtà del terzo settore hanno intercettato le diverse istanze.

La dodicesima intervista della serie “La politica che (non) c’è“ è ad Alessandra Prampolini, direttrice generale del WWF Italia. In questo confronto si parte dal fermento politico emerso “dal basso” grazie ai nuovi movimenti per l’ambiente e alla mobilitazione giovanile per analizzare come le grandi organizzazioni hanno intercettato le diverse istanze. Al centro, la nascita – di fatto – di un nuovo corpo intermedio.

Il WWF e le tante istanze che hanno mobilitato migliaia di giovani intorno al tema ambientale. Partiamo da qui.
Questo è un tema per noi interessantissimo. Personalmente ritengo che la pandemia abbia fatto da acceleratore a un fenomeno iniziato anni prima, a partire dalle prime mobilitazioni su scala globale iniziate con la nascita dei Fridays for future. Parliamo di un movimento di giovanissimi che hanno come obiettivo la difesa del pianeta. Si tratta di un movimento, però, che arriva da lontano, da decenni di attivismo e sensibilizzazione sul tema ambientale a cui siamo fieri di aver contribuito. A nostro avviso questa mobilitazione globale è stata un successo proprio perché nessuno può intitolarsela in toto. Finalmente il pianeta, la salute, le persone non sono più scollegate. È finalmente finita l’era delle singole vertenze.

Immagino che questa nuova mobilitazione globale abbia, in qualche modo, cambiato anche il WWF.

La risposta è nel WWF Young: i ragazzi ci hanno “imposto” una “struttura meno strutturata”. Questo è accaduto però prima dell’avvento del movimento Fridays for future. Avevamo già intuito la necessità di dare ai giovanissimi spazi di movimento non irregimentati nelle classiche liturgie tipiche, ad esempio, dei partiti. L’esplosione del movimento ambientalista giovanile ci ha però costretti – lo dico con soddisfazione – a grandi ragionamenti sullo scenario politico e sulle conseguenti battaglie da portare avanti.

Quali sono le cause di questi cambiamenti?

Principalmente due. La prima: la fase in cui viviamo, contraddistinta da una frattura apparentemente insanabile tra la politica istituzionale e i movimenti. Assistiamo, ormai da tempo, a partiti intenti a rincorrere i giovani senza riuscire in alcun modo a intercettare le loro istanze. Ecco, questo …

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.