Blues e femminismo nero

Come le cantanti blues Gertrude “Ma” Rainey, Bessie Smith e Billie Holiday hanno affrontato urgenti questioni sociali e contribuito a plasmare le forme collettive della coscienza nera. Pubblichiamo l’introduzione al volume “Blues e femminismo nero” di Angela Davis edito da Alegre.

Blues e femminismo nero è un’analisi del lavoro di tre artiste che hanno giocato un ruolo fondamentale nella storia della popular music negli Stati Uniti. Si tratta di un’indagine sui modi in cui le canzoni che hanno inciso divulgano tradizioni non ufficiali di coscienza femminista nelle comunità nere working class. La connessione che cerco di fare tra l’eredità del blues e il femminismo nero non è priva di contraddizioni e discontinuità. Attribuire a Gertrude “Ma” Rainey, Bessie Smith e Billie Holiday una coscienza femminista per come la definiamo oggi sarebbe insensato e poco interessante. Ciò che è più interessante – e provocatorio – della produzione artistica che ognuna di queste donne ha lasciato è il modo in cui dalla loro musica emergono – attraverso delle crepe all’interno dei discorsi patriarcali – tracce di un’indole femminista. Mentre cerco di contestualizzare le registrazioni delle loro performance – cioè le fonti primarie su cui lavoro – in relazione agli sviluppi storici degli anni Venti, Trenta e Quaranta del Novecento, mi interessa soprattutto il modo in cui le esibizioni di queste donne appaiono se viste attraverso la lente del presente, e ciò che queste interpretazioni ci possono dire di forme passate e presenti di coscienza sociale.

Considerando la lunga storia di schiavitù e segregazione negli Stati Uniti è comprensibile che la coscienza sociale nera sia stata sovradeterminata dalla razza. Questa monodimensionalità spesso si riflette anche nei lavori che cercano di riassumere quella storia. Nonostante negli ultimi due decenni sia stata prodotta una mole notevole di letteratura sulle premesse storiche del femminismo nero contemporaneo, sono ancora scarse le ricerche sulle connotazioni di classe del femminismo nero storico.

Siccome le opere delle scrittrici nere del diciannovesimo e dell’inizio del ventesimo secolo sono state rese progressivamente accessibili attraverso progetti come la collana Schomburg Library Nineteenth‑Century Black Women Writers, i tentativi di ricostruire le tradizioni storiche del femminismo nero tendono a concentrarsi su questo tipo di testi[1]. Dunque quelle che si costituiscono come tradizioni femministe nere tendono in larga misura a escludere le idee prodotte a opera e nel contesto delle comunità povere e working class, in cui le donne non avevano i mezzi o la possibilità di pubblicare testi scritti. Ma alcune donne nere povere ebbero la possibilità di pubblicare testi orali. Infatti negli anni Venti del Novecento molte donne nere erano richieste – e spesso sfruttate – dalle nascenti case discografiche. Le donne nere sono state le prime ad aver inciso canzoni blues. Nel 1920 la versione di Crazy Blues di Perry Bradford cantata da Mamie Smith, sua seconda r…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.