Pietro Pancrazi, congiuntivo e tolleranza

A proposito dell’articolo 3 della Costituzione della Repubblica italiana.

«Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali». È il primo comma dell’articolo 3 della Costituzione della Repubblica italiana. In esso si riflette un tratto etico pertinente della modernità. Certo, c’è il limite dell’integrazione in una comunità civile di cittadini. Non è però il testo di una dichiarazione di diritti universali. È la legge fondamentale di uno Stato nazionale. Entro tale limite, ciascuno è pari, quanto a dignità nei rapporti con gli altri, senza riguardo a caratteri naturali, a condizioni socio-culturali, a scelte individuali: una nobilissima astrazione.     

L’articolo non si ferma lì, tuttavia. Il suo secondo comma recita: «È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e la effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese». Al centro di questo comma sta una forma verbale, impediscono, che ha una piccola storia da raccontare.

***

Il testo della Costituzione fu frutto di lunghi lavori e di serrati confronti di commissioni diverse, istituite nell’àmbito dell’Assemblea costituente. Prima che esso passasse all’Assemblea nel suo insieme per la definitiva approvazione, i costituenti ne ritennero opportuna una revisione complessiva sotto l’aspetto linguistico. Della revisione fu incaricato Pietro Pancrazi.

Ai più, il nome di Pancrazi non dirà molto. Non è qui questione però di chi egli fosse. Chi vuole informarsene ha oggi i modi per farlo velocemente. Diffondersi in note biografiche servirebbe a poco. Basterà dire che non era un membro dell’Assemblea costituente né un uomo politico. Insieme con la competenza di parlante, di giornalista e di scrittore che gli era valsa il prestigioso incarico, egli aveva però idee politiche e un’idea della politica ben rappresentate, le une e l’altra, dal titolo, oggi molto datato, di un suo librino, Della tolleranza, curato da suoi sodali e apparso postumo a metà deg…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.