Pietro Pancrazi, congiuntivo e tolleranza

A proposito dell’articolo 3 della Costituzione della Repubblica italiana.

«Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali». È il primo comma dell’articolo 3 della Costituzione della Repubblica italiana. In esso si riflette un tratto etico pertinente della modernità. Certo, c’è il limite dell’integrazione in una comunità civile di cittadini. Non è però il testo di una dichiarazione di diritti universali. È la legge fondamentale di uno Stato nazionale. Entro tale limite, ciascuno è pari, quanto a dignità nei rapporti con gli altri, senza riguardo a caratteri naturali, a condizioni socio-culturali, a scelte individuali: una nobilissima astrazione.     

L’articolo non si ferma lì, tuttavia. Il suo secondo comma recita: «È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e la effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese». Al centro di questo comma sta una forma verbale, impediscono, che ha una piccola storia da raccontare.

***

Il testo della Costituzione fu frutto di lunghi lavori e di serrati confronti di commissioni diverse, istituite nell’àmbito dell’Assemblea costituente. Prima che esso passasse all’Assemblea nel suo insieme per la definitiva approvazione, i costituenti ne ritennero opportuna una revisione complessiva sotto l’aspetto linguistico. Della revisione fu incaricato Pietro Pancrazi.

Ai più, il nome di Pancrazi non dirà molto. Non è qui questione però di chi egli fosse. Chi vuole informarsene ha oggi i modi per farlo velocemente. Diffondersi in note biografiche servirebbe a poco. Basterà dire che non era un membro dell’Assemblea costituente né un uomo politico. Insieme con la competenza di parlante, di giornalista e di scrittore che gli era valsa il prestigioso incarico, egli aveva però idee politiche e un’idea della politica ben rappresentate, le une e l’altra, dal titolo, oggi molto datato, di un suo librino, Della tolleranza, curato da suoi sodali e apparso postumo a metà deg…

Il camouflage di Giorgia Meloni

L’Italia è caduta nelle mani di chi odia l’antifascismo (che è stato il fondamento storico della nostra Costituzione e della nostra vita politica) e tenta ora di spacciarsi per una destra presentabile.

Il tempo della politica incentrata sui leader è finito

L’Italia della Seconda Repubblica da tempo non è più quella del voto per ideologia e appartenenza politica. Continuare a fossilizzarsi sul Leader impedisce di vedere che le correnti di fondo delle scelte elettorali sono mosse dai bisogni della gente comune, anche quando a votare non ci va; e che la politica vince se li interpreta.

Mini storia della mafia e delle sue alleanze

Chiusi i seggi comincia la vera campagna elettorale. Non per prendere poltrone ma per risvegliare un popolo, cui si chiede di lottare e di esistere per “abolire la mafia una volta per tutte”.