“Tomás Nevinson”, la sofferenza di un secolo

L’ultimo lavoro dello scrittore madrileno Javier Marías è un’opera shakespeariana, una tragedia senza tempo.

«Tomás Nevinson non è propriamente il seguito di Berta Isla, ma con quello forma per così dire una coppia». Così lo scrittore Javier Marías descrive il suo ultimo romanzo, pubblicato in Italia nel febbraio di quest’anno da Einaudi, con la traduzione di Maria Nicola.

Letti insieme i due volumi sono quasi una saga, in cui a farla da protagonista è innanzitutto la coppia. Intorno, fitte e dense, ci sono le piccole storie, trame che lo scrittore spagnolo sa raccontare meglio di chiunque altro.

Quella di Tomás, marito di Berta Isla, è intanto la vita di chi ha più esistenze, per una burla del destino che lo ha portato fin dentro alle segrete stanze dei servizi inglesi. È la storia di chi “cede alla tentazione” e torna ad assumere un incarico di cui credeva di essersi spogliato per sempre: la proposta è di andare in una città spagnola, nel nord-ovest, per snidare una persona colpevole di sanguinosi attentati dell’Ira e dell’Eta. «Ho avuto un’educazione all’antica, e non avrei mai creduto che un giorno mi si potesse ordinare di uccidere una donna».

Le donne sono il centro assoluto del romanzo, e lo sono di gran lunga di più del personaggio principale: Tomás ha il volto di chi sa che dovrà fare i conti con una vita che pensava (sbagliando) di avere archiviato per sempre. Attorno a lui ruotano tutte le altre figure, che compongono, di pagina in pagina, un quadro ricchissimo di sfumature e di contrasti.

Il ritmo è incalzante, le descrizioni a dir poco fotografiche, scatti di vita in cui a trionfare è la bugia travestita da necessità: «Il fatto è che non c’è modo di avere la certezza dell’inganno e della simulazione».

L’autore scava – letteralmente – nelle pieghe dell’anima, dei suoi uomini e delle sue donne, mentre fa dire al protagonista una verità scomodissima: «Meglio essere colui che non esiste, almeno a periodi, e in questo modo preservarsi un po’, dividendo colpe e carichi con l’inesistente». Nel privato, questo modo di preservarsi gli costerà però l’amore e, ancor prima, la stima di Berta.

Il romanzo è tr…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.