Bettin: “Come evitare la catastrofe ecologica”

Nel suo ultimo libro, “I tempi stanno cambiando”, Gianfranco Bettin analizza cause, prospettive e soluzioni sulla fine dell’Antropocene, l’era del massimo impatto umano sul pianeta, sottolineando l’interdipendenza tra crisi climatica, ecologica e sociale. Lo abbiamo intervistato.

Oggi, nel mondo, a ogni secondo che passa si bruciano 250 tonnellate di carbone, 180.000 litri di petrolio e 125.000 metri cubi di gas, che in atmosfera si trasformano in 1.100 tonnellate di CO2. In giro ci sono troppe molecole di CO2, soprattutto. Un atomo di carbonio e due atomi di ossigeno formano una molecola di diossido di carbonio, comunemente detta anidride carbonica, chimicamente CO2. Il carbonio, la base della vita sulla terra. L’ossigeno, che ci fa respirare, che rende possibile la nostra vita basata sul carbonio. L’eccesso di CO2, di questa molecola accumulata nell’atmosfera e prodotta soprattutto dalla combustione di carbone, petrolio e gas, rende più difficile, irrequieta, a volte incandescente, la vita sul pianeta. Abbiamo oggi una mole di dati impressionante e inequivocabile, lo conferma ora anche il Rapporto 2021 dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), il principale organismo internazionale di studio dei mutamenti climatici, sulla responsabilità della specie umana sul cambiamento climatico*. Questo è “I tempi stanno cambiando“ (Edizioni E/O), l’ultimo libro di Gianfranco Bettin che analizza cause, prospettive e soluzioni sulla fine dell’Antropocene, l’era del massimo impatto umano sul pianeta. Ed è proprio da questo libro che inizia la tredicesima intervista della serie “La politica che (non) c’è“.

“I tempi stanno cambiando”. Puoi spiegare questo titolo?
Il titolo riprende ovviamente la celebre canzone di Bob Dylan, The Times They Are A-Changin’, buona metafora del nostro tempo multidimensionale. Il tempo storico, quello in cui viviamo; il tempo della quotidianità; e il tempo inteso come “clima”, che a sua volta non va confuso con il “meteo”. I tempi, appunto. Il titolo allude a tutti questi tempi, non solo alla quotidianità, al tempo che fa oggi, ma piuttosto a un tempo storico ormai segnato da eventi estremi prodotti da una tendenza crescente al surriscaldamento della temperatura, eventi che modificano gli ecosistemi, e il clima in generale, chiamandoci a fronteggiare urgentemente mutamenti.

Cambia il clima, cambia il tempo, cambia la storia. Viviamo con diversi gradi di consapevolezza questo cambiamento. C’è chi se ne frega, perché ha il potere di farlo e la convenienza di continuare a consumare fonti fossili, aggravando la situazione climatica. C’è chi pensa che le grandi conquiste tecnico-scientifiche vadano usate non per uscire da questa situazione ma per fare le guerre, per aggravare le disuguaglianze. Ma c’è anche chi ha preso invece atto che “i tempi stanno cambiando” e prova a usare il meglio del sapere, dell’intelligenza, della politica, in questa sfida cruciale.

Il libro allude alla “conversione ecologica”, ma in maniera diversa dal solito, in genere ottimistico, concetto. Perché?
«La conversione ecologica potrà affermarsi se apparirà socialmente desiderabile». «La paura della catastrofe non ha sinora generato questi impulsi». Così diceva Alexander Langer. Molta gente ha paura della catastrofe, certo, ma è difficile rendere davvero l’idea di una…

Il camouflage di Giorgia Meloni

L’Italia è caduta nelle mani di chi odia l’antifascismo (che è stato il fondamento storico della nostra Costituzione e della nostra vita politica) e tenta ora di spacciarsi per una destra presentabile.

Il tempo della politica incentrata sui leader è finito

L’Italia della Seconda Repubblica da tempo non è più quella del voto per ideologia e appartenenza politica. Continuare a fossilizzarsi sul Leader impedisce di vedere che le correnti di fondo delle scelte elettorali sono mosse dai bisogni della gente comune, anche quando a votare non ci va; e che la politica vince se li interpreta.

Mini storia della mafia e delle sue alleanze

Chiusi i seggi comincia la vera campagna elettorale. Non per prendere poltrone ma per risvegliare un popolo, cui si chiede di lottare e di esistere per “abolire la mafia una volta per tutte”.