“Il Sole dell’Avvenire”, un secolo di storia italiana tra rivoluzione e repressione

Un romanzo di formazione sulle origini della sinistra, un abecedario degli errori commessi, un racconto sulla necessità della lotta. La trilogia che Valerio Evangelisti ha dedicato alle vicende del movimento operaio e bracciantile italiano è un capolavoro letterario da (ri)scoprire.

La storia si ripete sempre due volte: la prima come tragedia, la seconda come farsa. La frase attribuita a Karl Marx ha fatto scuola tra gli aforismi da sfoderare per porre un punto (o rilanciare polemicamente) su discussioni che richiedono un qualunque sforzo cognitivo di rielaborazione. Quindi è necessaria un’avvertenza: questa è una recensione un po’ sconclusionata su un capolavoro letterario, composto da uno dei più grandi scrittori italiani del nuovo secolo, scomparso di recente, il 18 aprile 2022. E la sentenza del filosofo di Treviri, secondo gli standard interpretativi dello scrivente, si adatta perfettamente alla lettura dell’opera (o a una di esse, possibilmente).

Come eravamo

Diseredati e umiliati. Nella seconda metà del 1800, i braccianti e i mezzadri della Romagna erano bestie da soma al servizio del padrone. Precariato, povertà e alienazione. E il potere assoluto degli agrari. L’unità d’Italia aveva rinsaldato sotto gli strali della corona l’intero stivale, all’insegna delle sacre disuguaglianze. Intanto, le mani callose degli operai agricoli, dei cosiddetti “scariolanti”, avevano arginato il fetore lacustre delle paludi romagnole, trasformando i terreni malarici lungo le coste adriatiche nelle zone più fertili del neonato Paese. La bonifica, un termine che ricorrerà spesso negli annali della storia italiana, con dighe e canali così da ridisegnare la geografia dei luoghi. Pane e lavoro erano esigenze quotidiane per le schiere di lavoratori affamati.

È in questo contesto che si agitano le esistenze de Il Sole dell’Avvenire, la trilogia di Valerio Evangelisti, edita da Mondadori, sulle vicende del movimento operaio (ancora in essere, lontano però, localizzato nelle regioni più settentrionali con le fabbriche e le ciminiere) e bracciantile tra la fine del XIX secolo e gli anni ‘50 del Novecento.

Lo scrittore ha costruito un romanzo a puntate dove la ricerca storica, i fatti e gli avvenimenti si intrecciano alle vicissitudini di alcune famiglie immaginate dalla penna dell’autore.Le generazioni si susseguono sulle pagine, da protagoniste inconsapevoli di un’epopea mondiale. Velardi, Zambelli, Minguzzi e altri sono i cognomi che scuotono la narrazione: persone comuni – donne e uomini, mezzadri, braccianti, cottimisti, muratori e, alcuni di essi, con il precipitare degli anni, rivoluzionari di professione o fascisti della prima ora – la cui condizione materiale è forza motrice per lo sviluppo psicologico e relazionale dell’intreccio, messa a nudo con crudo realismo dalla maestria di Evangelisti.

La Romagna è il fulcro da cui si dipanano i tronconi narrativi. Ma sullo sfondo ci sono i rivolgimenti, i conflitti, le guerre mondiali, le lotte sociali e gli umori di un secolo, figlio obbligato del secolo precedente, a sua volta figlio illegittimo della luce illuminista (e della controrivoluzione conservatr…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.