L’ultimo pasto

Ancora oggi nelle carceri statunitensi ai detenuti nel braccio della morte viene offerta la possibilità di scegliere il loro ultimo pasto. Ma è un gesto che restituisce davvero dignità e autodeterminazione al condannato? È davvero un atto di pace o solo un rituale per placare gli animi di chi rimane?

Può turbare la nostra sensibilità ma nella storia l’esecuzione di un condannato a morte è sempre stata preceduta da accurati preparativi. L’obiettivo è sempre stato quello di garantire un’esecuzione dignitosa e allo stesso tempo dissuasiva, che permettesse di provare pietà per il condannato ma impedisse qualsiasi compassione, elevando il boia a emblema del vendicatore rispettoso della legge. Per raggiungere questo scopo è necessaria una drammaturgia vincolante per tutti i partecipanti, in modo da non mettere in discussione la dignità del tribunale e la funzione deterrente della cerimonia di esecuzione.

Di questa drammaturgia fanno parte anche il consenso del condannato ottenuto con la confessione dopo la pronuncia della sentenza e il suo rafforzamento con ogni tipo di favore da parte del tribunale. A questo scopo al condannato viene garantita una sistemazione migliore per gli ultimi giorni di detenzione e gli viene concesso di indossare abiti nuovi, talvolta di sua scelta. Ma soprattutto il condannato riceve cibo migliore e da bere a sufficienza. Perché: “Mangiare e bere bene fanno parte di una esecuzione ben fatta e di una morte cristiana, così come il consenso del condannato, l’abilità del boia e l’assicurazione che il povero peccatore non serbi rancore per nessuno”[1].

Anche l’ultimo pasto ha sempre fatto parte di questa drammaturgia. Viene servito ai condannati prima dell’esecuzione per alleggerire il momento della morte e ribadire ancora una volta il loro consenso all’esecuzione. Si tratta di un vero e proprio ultimo pasto nel senso classico e ha un carattere particolare perché concede al prigioniero una notevole – ultima – libertà. Simboleggia in qualche modo, per un momento, il rovesciamento dei rapporti di dominio, quando al più indifeso degli indifesi, il prigioniero prima della morte, viene dato il potere di determinare egli stesso il menu dell’ultimo pasto. Come a Roma padrone e schiavo, così in molti Paesi Stato e condannato si scambiano per un breve momento i ruoli. L’ultimo pasto simboleggia la pace fatta fra il tribunale, e quindi anche il boia, e il condannato a morte.

Atto di riconciliazione o supplemento alla morte imminente?

L’usanza di concedere l’ultimo pasto ai condannati a morte può essere fatta risalire alla fine…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.