Gorbačëv, la perestrojka e l’utopia di un mondo senza guerre

Nel 1987 Michail Gorbačëv organizzò un forum internazionale “per un mondo libero dalle armi nucleari, per la sopravvivenza dell’umanità”. All’incontro partecipò anche il fisico italiano Andrea Frova, che qui ricorda le lucide e appassionate parole pronunciate allora dal leader russo.

Nel 1987 Michail Gorbačëv organizzò un forum internazionale “per un mondo libero dalle armi nucleari, per la sopravvivenza dell’umanità”. Furono invitati circa mille scienziati, pensatori, scrittori, artisti e musicisti da tutte le parti del mondo. Io fui uno di quelli. Per ricordare quel grande uomo, prendo lo spunto dal mio libro autobiografico “La passione di conoscere”, edito da Rizzoli, dove la vicenda è meglio documentata. Gorbačëv non fu compreso dal suo popolo: è impressionante confrontare le sue aspettative di allora con quanto oggi si presenta ai nostri occhi.

Vorrei cominciare dal momento culminante della nostra avventura moscovita, quando tutti e mille fummo ricevuti da Gorbačëv nella sala grande del Kremlino, dopo aver dibattuto in sedi separate, secondo le diverse angolazioni, il tema della pace nel mondo. Riprenderò testualmente, aggiungendovi qualche nota d’obbligo, le frasi che allora udii pronunciare. Da parte di Gorbačëv venne una lucida e appassionata dichiarazione di intenzioni politiche: il solco della perestroika. C’era allora chi si rifiutava di credere alla sua possibile realtà, ma chi avrebbe immaginato una così fulminea partenza e un’altrettanto rapida evoluzione verso gli esiti rovinosi a cui abbiamo poi assistito?

Giungiamo alla sala grande del Kremlino dopo un libero giro per ampie stanze e corridoi sontuosamente decorati: nell’animo la sensazione di penetrare, quasi furtivamente, nell’inner sanctum di un universo extraterreno. Prendiamo lentamente posto, sotto le luci delle telecamere. Per ognuno dei gruppi, si fa avanti una personalità di spicco, portando a Gorbačëv il messaggio conclusivo di due densi giorni di lavoro. Per i medici, un comunicato pieno di vibranti accenti sulla fame e sulle epidemie nel mondo viene letto dal cardiologo americano Bernard Lown. Poi Frank von Hippel, fisico della Princeton University, ricorda come il potenziale distruttivo degli arsenali USA e URSS è pari a 10-100 volte quello sufficiente a cancellare il nemico dalla faccia della Terra. Lo scrittore cattolico Graham Greene nega l’incompatibilità tra socialismo e credo religioso, citando l’esempio delle azioni comuni intraprese nei paesi sudamericani. Mi pare inaudito che un simile concetto – che già a me appare ostico – sia liberamente…

Mani che curano: il lavoro delle “badanti” sfruttato e segregato

Il lavoro delle “badanti”, così chiamate con termine inadeguato e sminuente, è solo una delle sfaccettature di un fenomeno di sfruttamento e segregazione delle donne straniere, che affonda le radici negli anni Ottanta quando è cominciata la privatizzazione del lavoro di cura che, oggi, si regge quasi esclusivamente sulla disponibilità di forza lavoro migrante a basso costo.

Un asinello di Buridano: il PD è da sempre al bivio fra comunitarismo e socialismo

È bene interrogarsi sulle cause teoriche alla base del disastro del Partito Democratico, specialmente quando gli (auto)candidati alla nuova segreteria eludono sistematicamente questo piano. Fin dalla partenza infatt il disastro del PD è stato rimanere fermo, come un asinello di Buridano, al bivio fra comunitarismo e socialismo.