Champollion e l’enigma della stele di Rosetta

Duecento anni fa Jean-François Champollion riuscì a decifrare i geroglifici egizi della stele di Rosetta. Per comprendere la portata e l’originalità della sua pluriennale ricerca – che è all’origine dell’egittologia moderna – ne ripercorriamo le ultime fasi cruciali.

Si dice che le comete siano delle capsule del tempo, capaci di viaggiare per milioni di anni luce serbando nel loro nucleo gassoso composti organici, lunghe catene di idrocarburi e amminoacidi, metalli e frammenti di rocce provenienti da epoche remote dell’universo, quando si formarono le stelle, il Sole e i suoi pianeti. Secondo gli scienziati, raccogliere e decifrare questo materiale permetterà di leggere sempre più chiaramente la storia del nostro sistema solare, dischiudendo alla nostra conoscenza un passato che credevamo inaccessibile, inghiottito da un’impenetrabile oscurità.

È stata questa la missione di Rosetta, la sonda lanciata nel 2004 dall’ESA, European Space Agency, per raggiungere la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko e poter installare sulla sua superficie, nel 2014, il veicolo d’atterraggio Philae incaricato di raccogliere materiali, dati e immagini.
Dopo la sua prima avventura, Rosetta è oggi ancora in viaggio a fianco della cometa, e porta con sé, nello spazio, un piccolo amuleto che ha il suo stesso nome: HD Rosetta, una sottile lastra circolare di nickel progettata per durare migliaia di anni, sulla quale sono incise 6,500 pagine di testo in 1,500 lingue del mondo, alcune delle quali in via d’estinzione. Chi, umano o altro, un giorno troverà quell’oggetto e vorrà imparare a leggerlo, saprà che siamo esistiti e quali segni usavamo per descriverci e comunicare con i nostri simili.

Ma duecento anni fa, quando volare su una stella cometa o costruire indistruttibili hard disk e navicelle spaziali era considerato un sogno eretico o un’oziosa fantasia, qualcuno riuscì a decifrare un documento proveniente da un mondo altrettanto lontano; un messaggio cifrato lanciato nel futuro da una civiltà che, nel suo millenario silenzio, sembrava irraggiungibile. I primi segnali furono pochi balbettii, sillabe, nomi di persona. Infine, un’intera lingua parlata da regnanti, sacerdoti e scriba; e, con essa, una storia in grado di scuotere credenze e sfidare secolari tradizioni.

Nell’Europa moderna, almeno dai tempi del famoso erudita tedesco Athanasius Kircher vissuto nel XVII secolo, l’Egitto era celebrato quanto lo era stato nell’antica Roma, quando, alla fine del I secolo d.C., Gaio Cestio Epulone volle per sé una tomba a forma di piramide (ancora svettante all’inizio di Via Ostiense), e gli imperatori portarono da Eliopoli e da Karnak (o fecero scolpire a imitazione degli originali) tredici obelischi che oggi, spostati a piacimento dai papi, segnalano altrettanti luoghi della capitale. Si credeva che la scrittura geroglifica usata dagli egizi contenesse verità segrete e sbalorditive in grado di dispensare sapienza e poteri magici a chi fosse in grado di padroneggiarla; ma in realtà la conoscenza di quella civiltà e della lingua era ancora estremamente superficiale, frammentaria, filtrata da favole e pregiudizi. Sebbene l’ultima iscrizione in geroglifico sia stata incisa sulla porta di Adriano, a Philae, un anno prima della caduta dell’impero romano occidentale nel 395 d.C., già ne…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.