Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Quale futuro per gli indigeni brasiliani dopo Bolsonaro?

Domenica il Brasile va al voto: Lula è ampiamente favorito; l'unica speranza che rimane a Jair Bolsonaro è di arrivare al ballottaggio. Intervista a Ricardo Rao, ex dipendente della Funai, l'agenzia governativa brasiliana che si occupa di popoli indigeni, costretto nel 2019 ad abbandonare il suo Paese per sfuggire al destino a cui invece, di lì a poco, sarebbe andato incontro il suo collega Bruno Pereira, il grande indigenista assassinato il 5 giugno scorso insieme al giornalista britannico Dom Phillips.

L’incubo sta per finire. E a dirlo sono tutti i sondaggi: alle presidenziali di domenica prossima, l’unica speranza che rimane a Jair Bolsonaro è di arrivare al ballottaggio. E a quel punto, magari, tentare ciò che in Brasile temono tutti: un’avventura golpista in stile “assalto al Campidoglio”, puntando sulla bellicosità del suo zoccolo duro e sul sostegno di una parte dei militari. I quali, tuttavia, non sono riusciti a ottenere l’agognato via libera del Tribunale superiore elettorale al conteggio parallelo dei voti da parte di tecnici delle forze armate.

L’ampio margine di vantaggio riconosciuto a Lula sembra in ogni caso metterlo al riparo da ogni rischio di rimonta da parte dell’attuale presidente, di cui certo la storia avrà molto da ricordare: la richiesta di incriminazione per crimini contro l’umanità e altri capi d’accusa da parte della Commissione parlamentare di inchiesta sulla gestione governativa della pandemia; le denunce presentate nel corso del tempo contro di lui presso il Tribunale penale internazionale; la devastazione senza precedenti dell’Amazzonia e il negazionismo climatico; le minacce di golpe e l’esaltazione della dittatura; le dichiarazioni misogine e omofobe; i legami familiari con le milizie e i casi di corruzione; il ritorno della fame, con le persone impegnate a frugare fra carcasse e scarti di macelleria e le favelas addirittura raddoppiate.

Che la partita si decida già domenica o al ballottaggio del 30 ottobre, sarà insomma Lula, a capo di una coalizione mai così ampia (e con tutte le sinistre finalmente unite), a dover avviare il faticoso processo di ricostruzione del Paese a tutti i livelli, a partire – è la speranza che anima la sinistra – dalle necessità delle tante vittime del governo Bolsonaro, compresi quei popoli indigeni contro cui, negli ultimi quattro anni, è stata scatenata una guerra senza precedenti.

Ne sa qualcosa l’avvocato Ricardo Rao, ex dipendente della Funai, l’agenzia governativa brasiliana che si occupa di popoli indigeni, costretto nel 2019 ad abbandonare il suo Paese – stabilendosi nel nostro, grazie alla nazionalità italiana, dopo due anni di esilio in Norvegia – per sfuggire al destino a cui invece, di lì a poco, sarebbe andato incontro il suo collega Bruno Pereira, il grande indigenista assassinato il 5 giugno scorso insieme al giornalista britannico Dom Phillips.

Lo abbiamo incontrato a Roma, dove Rao, in attesa di trovare lavoro, è ospite dello Spin Time, il palazzo occupato nel quartiere Esquilino – un vero “cantiere di rigenerazione urbana” – in cui convivono nuclei familiari di 25 nazionalità diverse: rifugiati politici, singoli indigenti, persone che per vari motivi si ritrovano senza casa.

Quando hai cominciato a lavorare nella Funai?

Nel 2010, dopo aver vinto il concorso. Ma l’interesse per i popoli indigeni è cominciato molto prima. …

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.