La resistibile marcia su Roma e gli ammonimenti della storia

Dal tradimento perpetrato da ciò che rimaneva dello Stato (sedicente) liberale agli errori strategici e tattici del partito socialista, fino alla fatale superficialità del mondo culturale antifascista. Perché i gruppi dirigenti italiani non compresero la portata eversiva della minaccia fascista e non attrezzarono un tempestivo programma di contromisure?

In uno dei romanzi più famosi di Gabriel Garcìa Márquez, “Cent’anni di solitudine”, i personaggi inseguono mete, che, alla fine, si rivelano fugaci. Accade perché Márquez ci invita ad amare appassionatamente le nostre radici, a coltivare la memoria collettiva e a riconoscersi nella nostra storia. Al pari dei grandi classici, il suo afflato comunicativo ci consegna una formidabile lezione di humanitas, insieme con l’invito ad accettarla.

Epperò, riconoscersi nella propria storia non significa assumerla passivamente o, addirittura, esaltarne la tragicità. Se la storia non può insegnare che cosa fare, può tuttavia ammonirci su quello che non dobbiamo fare.

Nell’interpretazione critica della storia delle generazioni colombiane della seconda metà dell’Ottocento, la narrazione di Márquez attinge dalla storia effettuale il senso dell’umana tragedia, la consapevolezza, ossia, di quelle generazioni di comprendere l’incapacità di evolversi.

Molti eventi, realisticamente rappresentati e magicamente trasfigurati, risentono dell’influenza delle guerre civili colombiane della seconda metà dell’Ottocento. Noi, oggi, nel centenario della “marcia su Roma”, possiamo, dobbiamo sperare che quella fase della nostra Storia e (in)cultura sia tramontata per sempre. Senza, tuttavia, commettere l’errore di ignorare le avvertenze critiche di quanti, come lo storico George Mosse, sostengono che i totalitarismi non sono (soltanto) un problema del passato, bensì anche un problema del futuro. Basta guardarsi intorno, senza andare troppo lontano.

Nello stesso tempo, l’auspicio è che, fedeli discepoli del principio crociano di “contemporaneità di tutta la Storia”, pensiamo e agiamo in modo che quel passato, passando, rimanga vivo e presente nella nostra coscienza e memoria collettiva. 

Nel contesto della drammatica congiuntura del dopoguerra, nel mese di luglio del 1922, tre mesi prima della marcia, alla Camera dei deputati, mentre lo squadrismo fascista imperversava pressoché indisturbato, Benito Mussolini sfidava apertamente le istituzioni del governo pubblico, minacciando una “reazione energica e inflessibile” nell’eventualità di una “soluzione antifascista” della crisi politica. Il mese successivo, intervistato dal Mattino, l’affondo: “La marcia su Roma è in atto. Non si tratta della marcia delle cento o trecentomila Camicie nere, inquadrate formidabilmente nel Fascismo. Questa marcia è strategicamente possibile e… totalmente in nostro assoluto potere. Ma non è ancora politicamente inevitabile…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.